mercoledì 26 gennaio 2011

Palermo ricorda Mario Francese, il cronista del Giornale di Sicilia assassinato dalla mafia in viale Campania 32 anni fa

Mario Francese
Mario Francese, cronista di giudiziaria del "Giornale di Sicilia", il 26 Gennaio 1979 fu assassinato dalla mafia davanti al portone di casa in viale Campania a Palermo. Per ricordarlo, l'Unione nazionale cronisti (Unci) ha organizzato questa mattina una cerimonia sul luogo dell'agguato. Erano presenti la vedova, Maria Sagona, e i figli Giulio e Massimo Francese, assieme, tra gli altri, al vicesindaco Marianna Caronia, al prefetto Giuseppe Caruso, al dirigente della Dia, al questore e ai comandanti provinciali di carabinieri, Guardia di finanza, polizia municipale. "La società sana - ha detto Leone Zingales, segretario dell'Unci di Palermo - fu colpita dall'uccisione di Mario Francese. Qui oggi è una testimonianza di come non solo sia importante ricordare per la famiglia ma anche per tutta la città. Francese è stato un uomo e un giornalista impegnato nella lotta alla mafia, vero esempio per chi ha scelto questa professione". Il movente del delitto è stato ricondotto dai giudici di primo grado allo "straordinario impegno civile con cui la vittima aveva compiuto un'approfondita ricostruzione delle più complesse e rilevanti vicende di mafia degli anni 70". I processi hanno ricostruito la stretta relazione tra il delitto e il lavoro di Francese, che aveva intuito gli interessi mafiosi sulla costruzione della diga Garcia e l'intreccio col mondo dell'economia e degli appalti pubblici.

Nessun commento: