venerdì 21 gennaio 2011

Caltavuturo, l'anniversario della strage di San Sebastiano: la memoria non si cancella...


Un momento del dibattito

L’hanno scritto con la vernice rossa su uno striscione bianco: «la memoria non si cancella. 20 gennaio 1893». Sono i giovani del circolo Arci “20 Gennaio”, che non vogliono che si dimentichi. È successo già troppe volte. Adesso basta. Il 20 gennaio di 118 anni fa a Caltavuturo l’esercito (e qualche “civile”) spararono sui contadini che manifestavano per chiedere l’assegnazione delle terre di “Sangiovannello”. Ieri, in occasione del 118° anniversario della “Strage di San Sebastiano”, insieme a Libera, all’Anpi e al Comune, hanno organizzato diverse manifestazioni. La più significativa quella del pomeriggio, nei locali del museo civico, dove diversi interventi hanno rievocato i fatti del 20 gennaio e quello che significano ancora oggi per tutti noi. A cominciare da Antonino Musca, presidente del circolo, a cui sono seguiti l’assessore alla cultura Massimiliano Cerra, il professor Angelo Ficarra, già presidente del comitato per il centenario dei fasci, il coordinatore di Libera Sicilia Umberto Di Maggio e lo scrittore spagnolo Gonzalo Alvarez Garcia. A me è toccato portare il saluto della Camera del lavoro di Corleone, di Palermo e di Piana, ricordando che anche nel gennaio 1893 Bernardino Verro e i contadini corleonesi solidarizzarono con il movimento contadino di Caltavuturo. 
E ho consegnato agli organizzatori il volantino autografo di Verro, conservato nell’archivio di Stato. «Alle ore 2½ di oggi – c’è scritto nel prezioso documento datato 29 gennaio 1893 - una rappresentanza del “Fascio dei lavoratori” e della “Nuova Età” si porterà al camposanto per deporre una ghirlanda in onore dei dieci martiri di Caltavuturo, saziati di piombo per aver chiesto pane e lavoro. Ogni socialista prenderà parte alla pia e mesta cerimonia, riflettendo che i caduti sotto la tirannica mitraglia erano poveri contadini e non ricchi banchieri o ladri senatori». Ha concluso il dibattito Ottavio Terranova, presidente dell’Anpi di Palermo. Poi tutti in corteo per la fiaccolata fino alla lapide che ricorda la strage, all’incrocio tra via Alfieri e via Vittorio Emanuele. Una lapide posta meritoriamente dal Comune sul luogo della strage nel 1993, dove però non sono riportati i nomi dei caduti. Forse allora non si conoscevano. Ma adesso invece si. Per questo è stato proposto di sostituire questa lapide con un’altra dove vengano incisi i nomi di tutti i caduti. I giovani del circolo hanno lanciato un’altra provocazione, intitolando “Piazza 20 Gennaio” lo slargo dove fu consumato l’eccidio. Con la speranza che per il prossimo anniversario lo diventi veramente.
Dino Paternostro

Nessun commento: