Barra video

Loading...

martedì 31 agosto 2010

Salemi. Incendiato il portone del Museo della mafia

Uno scorcio del museo della mafia di Salemi
SALEMI (TRAPANI) - Nella notte fra il 29 e il 30 agosto qualcuno ha tentato di appiccare il fuoco a un portone del complesso monumentale del Collegio dei Gesuiti dal lato di via Cappasanta, utilizzato temporaneamente come uscita del Museo della mafia di Salemi, voluto dal sindaco Vittorio Sgarbi, dove sono ancora in corso lavori di allestimento. Da questo ingresso si accede anche nell'ufficio tecnico del Comune di Salemi. Le fiamme hanno annerito una parte del portone e bruciato completamente una targa contenente le indicazioni sugli orari degli uffici. La polizia municipale ha effettuato i primi rilievi e ha inviato un rapporto alla locale caserma dei carabinieri. Il Museo della mafia è stato inaugurato lo scorso 11 maggio, in occasione della visita a Salemi del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. "Staccheremo il portone danneggiato dalle fiamme e lo collocheremo nel Museo della Mafia all'interno della sezione dedicata alle intimidazioni", è la provocazione del giovane direttore del museo, Nicolas Ballario, 26 anni, che sfida gli anonimi autori dell'incendio. "Spero - dice - che siano individuati presto, per potere esporre all'interno del Museo anche le foto delle loro facce, cosicché i visitatori possano vedere quale sia il volto di balordi che, qualunque sia la natura del gesto, non hanno rispetto per la città in cui vivono". 31/08/2010

Partorisce in bagno da sola: terzo scandalo al Policlinico di Messina

Dopo la lite tra i due medici e la morte sospetta di una sessantenne, nuovo caso di presunta malasanità nella stessa struttura di Messina: protagonista una donna che aveva programmato un aborto terapeutico
Il Policlinico di Messina
MESSINA - Al Policlinico di Messina, al centro delle cronache in questi giorni per la lite tra due medici in sala parto, nel giugno scorso si è verificato un altro caso di presunta malasanità, che ha portato la Procura a vagliare la posizione di sette persone tra medici e infermieri del reparto di Ostetricia. La vicenda riguarda una donna di 37 anni che aveva programmato un aborto terapeutico per gravi malformazioni del feto. Ma nella notte tra l'11 e il 12 giugno la donna avrebbe partorito nel bagno della sua stanza, aiutata dalla madre e senza assistenza medica. Qualche ora prima la paziente aveva iniziato ad avere le contrazioni e solo dopo insistenti pressioni si era presentato un infermiere del reparto che, secondo il racconto della donna, le avrebbe detto che nessuno dei medici di guardia sarebbe intervenuto in quanto erano tutti obiettori di coscienza e che quindi l'aborto sarebbe stato praticato il giorno dopo da un altro medico. Ma gli eventi sono precipitati e la donna ha partorito, senza alcuna assistenza dei sanitari, in bagno. Policlinico dunque sempre più nella bufera. Dopo l'episodio della lite in sala parto, che ha avuto pesanti conseguenze su una puerpera e sul suo bambino, e un'inchiesta aperta dalla procura di Messina sul decesso di una donna di 60 anni, avvenuto alcuni giorni fa, ecco un'altra vicenda che ha tutti i crismi della malasanità.
31.08.2010

Corleone. Diario dal campo di lavoro sui terreni confiscate alla mafia: Pomodori, pomodori ed ancora pomodori.

La meglio gioventù...
Dopo l'ennesima levataccia, la nostra giornata comincia a Pietralunga, sommersi da centinaia di cassette, ordini contorti, ma anche tanto, tanto, entusiasmo! Fortunatamente qualche nuvoletta "fantozziana" ci ha un po' salvati dal caldo cocente dei giorni scorsi. Riempite le 91 cassette (tre delle quali acquistate da un cliente pervenuto direttamente con una Fiat Panda "Rosa", cerchi in lega e tettuccio apribile, tamarro a bestia), controllato che il furgone stracarico non si spezzasse in due, siamo tornati alla base coccolati dallo "chef " Franco che ha preparato il pranzo con una quantità tale di cibo da sfamare l'intero esercito Afghano. I nostri occhi hanno luccicato per la gioia: lasagne, cotolette e verdure! Dopo aver resuscitato quelli che riposavano, ci hanno caricato e via verso Ficuzza!! Ficuzza è un'oasi naturale dove ha sede l'ospedale degli animali della LIPU: bel Palazzo e bel paesaggio. La visita è stata un po' breve, c'erano molti belli animali nella sede rapaci, tartarughe e rettili. Dopo esserci rifocillati, finalmente siamo andati a Piana degli Albanesi, più precisamente a Portella della Ginestra. Tutti conosciamo la storia che ci è stata raccontata da tre sopravvissuti alla strage. E' stata un'esperienza bellissima, dalle loro parole sono usciti non solo i ricordi, ma anche tutta la sofferenza, l'emozione e la loro grande forza d'animo. Ci hanno raccontato i fatti, ognuno alla sua maniera, si sono addirittura scusati per la loro poca padronanza con l'italiano, ma non ci è importato, perché il loro messaggio ci è arrivato appieno, ci siamo addirittura commossi quando ci hanno incoraggiati ad andare avanti, a lottare per un futuro migliore che è ancora possibile. Noi ci crediamo: il loro sacrificio non dovrà essere vano. Li abbiamo salutati, al ritorno c'è stata la ricerca del cannolo perduto: ci siamo fermati in un bar, finalmente!!! Ma era solo la solita pausa pipì, uffa! Ormai si era fatto tardi, un nostro pulmino si è sganciato dalla carovana per andare a comprarli con la promessa che ce li avrebbe fatti trovare a cena. Promessa mantenuta! Adesso siamo pronti per andare a dormire: ah, a proposito, ci hanno comunicato che domani vendemmiamo tutto il giorno: sveglia alle 5:00. Aaaaaaaahhhhhhhh!!!!!
Marino e Irene
30 agosto 2010

lunedì 30 agosto 2010

Feudo Verbumcaudo, nuova intimidazione al sindacalista della Cgil Vincenzo Liarda

Vincenzo Liarda della Cgil
Segati nove ulivi nella campagna di Vincenzo Liarda, a Polizzi Generosa, sindacalista della Cgil delle Madonie già minacciato con lettere intimidatorie, che avevano come obiettivo anche il senatore del Pd Beppe Lumia, per la vicenda della confisca di Verbumcaudo, il feudo appartenuto al boss mafioso Michele Greco. Il nuovo atto intimidatorio, si legge in una nota della Cgil, é avvenuto sabato, probabilmente durante la notte: la terra si trova in una zona residenziale di Polizzi, in contrada Chiaretta. "Ce ne siamo accorti solo ieri sera, mentre ero nei campi per raccogliere la frutta assieme a mia moglie", racconta Liarda che ha allertato i carabinieri. Questa mattina il sindacalista ha formalizzato la denuncia. La quarta lettera di minacce, contenente due proiettili e un'immagine di Falcone e Borsellino con la scritta "anche se siete meno importanti, farete la stessa fine", era stata recapitata a Liarda e Lumia il 24 agosto. "Dalle minacce scritte sono passati ai fatti - dice Liarda - avverto che questa intimidazione è ancora più pesante delle altre. Credo sia un segnale che meriti la giusta, anzi la massima attenzione, e non una sensibilizzazione di grado inferiore: l'antimafia non può intervenire in maniera diversa in base a chi è coinvolto. Non possiamo andare in ordine sparso, richiamo tutti alle loro responsabilità". Alle 19 si terrà un consiglio comunale nell'aula consiliare, già programmato, con all'ordine del giorno la solidarietà a Lumia e a Liarda. "Le famiglie mafiose dei Maranto e dei David, dei Privitera e dei Madonia sappiano che non l'avranno vinta. Il feudo Verbumcaudo dovrà essere restituito alla società civile per diventare una risorsa preziosa di lavoro e sviluppo per il territorio". Lo dice il senatore del Pd Giuseppe Lumia, componente della commissione antimafia, riguardo l'intimidazione ai danni del sindacalista della Cgil Vincenzo Liarda. Lumia parteciperà stasera a Polizzi Generosa (Pa) al consiglio comunale straordinario sulla vicenda del feudo Verbumcaudo. "Sul riuso sociale del feudo Verbumcaudo ci giochiamo la credibilità nell'aggressione ai patrimoni e nella stessa lotta alla mafia - aggiunge - Per questo chiedo con forza all'Agenzia nazionale dei beni confiscati di adoperarsi per cancellare l'ipoteca che grava sul feudo. Non possiamo consentire a Cosa nostra la possibilità di ostacolare l'assegnazione del bene o, ancora peggio, di tornarne in possesso attraverso espedienti e cavilli burocratici. Allo stesso tempo bisogna rafforzare le misure di sicurezza nei confronti di Vincenzo Liarda".  30 agosto 2010 18:43

Corleone, il sindaco Iannazzo si "arruola" nei berluscones...

Nino Iannazzo
Abbiamo letto sul Giornale di Sicilia di oggi che «gli ex finiani rimasti fedeli a Berlusconi si riuniranno la prossima settimana a Palermo per rilanciare la loro azione sul territorio». «L'iniziativa – prosegue il giornale - parte dal deputato all'Ars Salvino Caputo, dall'assessore comunale di Palermo alla Cultura Giampiero Cannella e dal senatore Antonio Battaglia. Convocati anche Raoul Russo, i consiglieri provinciali Mario Di Vita e Vincenzo Di Trapani, l'assessore Dario Falzone e vari sindaci del territorio: Iannazzo (Corleone), Di Matteo (Monreale), Di Chiara (Villabate), Cannizzaro (Mezzojuso) e Cutaia (Campofelice di Fitalia). Il tutto su spinta di Maurizio Gasparri. «Vogliamo serrare le fila - ha detto Caputo - e rispondere alla nascita dei circoli finiani di Generazione Italia». Ma gli ex An chiederanno anche ai vertici del Pdl una accelerazione nella nomina dei coordinatori provinciali e cittadini».
Prendiamo atto (fino a prova del contrario) che il sindaco di Corleone si è arruolato nelle truppe del cavaliere Silvio Berlusconi, ormai affermato campione di legalità, trasparenza, rispetto per le istituzioni e per le persone… Una scelta, quella di Iannazzo, in “evidente” e “grande” coerenza con le performance “antimafiose” con cui si esibisce a Corleone. (d.p.)
30.8.2010

Svolta della Chiesa valdese: sì alla benedizione delle coppie gay

Per la prima volta in Italia una Chiesa cristiana, la Chiesa evangelica valdese, ha dato il suo avallo alla benedizione delle coppie gay, sia pure previo il consenso delle singole chiese locali. Si tratta di una novita' assoluta e del primo segnale di apertura, anche nel nostro Paese, a un riconoscimento delle unioni omosessuali da parte di una comunita' cristiana. Il Sinodo valdese, infatti che si tiene in questi giorni a Torre Pellice, in provincia di Torino, ha sancito, al termine di un lungo dibattito, la possibilita' di dare la ''benedizione'' alle coppie dello stesso sesso. ''A conclusione di un lungo, articolato ed approfondito dibattito'' si afferma infatti in un comunicato, nella tarda serata di mercoledi', ''il Sinodo delle chiese metodiste e valdesi ha approvato con un ordine del giorno la benedizione di coppie dello stesso sesso, laddove la chiesa locale abbia raggiunto un consenso maturo e rispettoso delle diverse posizioni''. ''Una clausola impostasi - si spiega - data l'impossibilita' emersa nel corso delle discussione di un 'si' incondizionato reputato ancora prematuro. L'accento e' posto infatti sul percorso di maturazione delle stesse coppie e delle rispettive comunita' locali. La decisione e' stata presa con 105 voti favorevoli, 9 contrari, e 29 astenuti''. ''Un passo in avanti chiaro e netto, certo, ma da collocare in un percorso che andra' ancora meglio definito, soprattutto per quanto attiene il rapporto tra le chiese e le stesse coppie omoaffettive'', e' stato a caldo il commento del presidente del Sinodo, Marco Bouchard. ''Il Sinodo - si spiega - riconosce le differenze nel percorso di integrazione e riconoscimento delle persone omosessuali nelle chiese locali, ed invita al rispetto delle diverse sensibilita' dei membri di chiesa''. Al tempo stesso il Sinodo ''consapevole del fatto che la benedizione, nel contesto esclusivamente liturgico e pastorale delle nostre chiese, testimonia un riconoscimento ed una condivisione annunciata e proclamata della Grazia di Dio rivolta ad ogni creatura umana, esprime con forza la sua convinzione che le parole e la prassi di Gesu', cosi' come esse ci sono testimoniate negli Evangeli, non possono che chiamarci all'accoglienza di ogni esperienza e di ogni scelta improntate all'amore quale dono di Dio, liberamente e consapevolmente vissuto e scelto''. Di conseguenza, il Sinodo chiede alle chiese di approfondire la riflessione sulla realta' omosessuale all'interno delle chiese stesse e della societa'. Chiede inoltre che, ''ove sorelle e fratelli membri della nostra Chiesa o appartenenti ad una Chiesa evangelica richiedano la benedizione di una unione omosessuale, si proceda nel cammino di condivisione e testimonianza e, laddove la chiesa locale abbia raggiunto un consenso maturo e rispettoso delle diverse posizioni, essa si senta libera di prendere le decisioni conseguenti, rimanendo in costruttivo contatto con gli appositi organismi''. E alle istituzioni politiche del nostro paese rivolge una richiesta ben precisa: ''attenzione verso la situazione di discriminazione delle persone gay-lesbiche-bisex e transessuali, e in particolare la regolamentazione dei diritti delle coppie di fatto''.

Palermo. Uno sportello antiracket nel locale confiscato al boss mafioso Bernardo Provenzano

Enrico Colajanni
Un ampio locale di quasi 400 metri quadri su due piani in via Principe di Belmonte, nel cuore di Palermo, sequestrato ad un prestanome di Bernardo Provenzano, è stato acquisito dalla Provincia che lo utilizzerà come sportello anti racket e anti usura. Una tavola rotonda sul tema “Impresa legale, Patrimonio sociale” si è svolta questa mattina per presentare l’iniziativa in ricordo di Libero Grassi, di cui ieri si è commemorato l’anniversario dell’uccisione. Alla manifestazione era presente anche la vedova, Pina Maisano. “E’ un giorno importante per l’Ente e per tutti coloro che ogni giorno lottano per l’affermazione dei principi di legalità – ha sottolineato il presidente della Provincia Giovanni Avanti – ed è significativo che la presa in consegna di questo bene avvenga in ricordo di Libero Grassi, l’imprenditore che per primo prese una posizione netta contro la mafia del racket, pagando questa decisione con la vita. Questo locale, nel cuore della città, diventerà in pochi mesi il cuore della lotta al pizzo e all’usura ma anche un importante luogo di confronto e di cooperazione fra tutti coloro che ogni giorno lavorano per la legalità: associazioni di categoria, volontariato, forze dell’ordine, istituzioni, liberi professionisti”. Il progetto, che ha ottenuto un finanziamento di 700 mila euro dal Dipartimento Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale (Pon) Sicurezza per lo sviluppo. 2007-2013, prevede oltre 580 ore di formazione di alto livello per 600 operatori per forze dell’ordine, amministratori pubblici, portatori di interessi, associazioni del settore.
lunedì 30 agosto 2010

Lite in sala parto: Cracolici, licenziare medici responsabili. “Episodio che ha messo a rischio i pazienti e ha danneggiato la Sicilia”


“Il direttore generale dell’azienda Policlinico di Messina provveda al licenziamento di chi si è reso responsabile di un episodio assurdo che non solo ha messo a rischio la vita della donna e del neonato, ma ha provocato un danno a tutta la sanità siciliana e ai tanti professionisti che, con serietà, lavorano ogni giorno per offrire un servizio migliore alla Sicilia”. Lo dice Antonello Cracolici, presidente del gruppo PD all’Ars, a proposito della lite in sala parto al Policlinico di Messina. “Attendiamo l’esito delle indagini - aggiunge – ma sono certo che, se i fatti fossero confermati, nessun giudice del lavoro potrebbe reintegrare i responsabili di questa vicenda. Mi auguro inoltre che l’Ordine dei medici avvii immediatamente le procedure necessarie ad espellere chi, evidentemente, non è in grado di svolgere questa professione”.

In 4.000 contro il ponte sullo Stretto. "No alle trivelle nei nostri condomini"

Manifestazione di protesta nel villaggio Torre Faro di Messina. Molti residenti, ma anche comitati e politici: "Più importanti le opere per evitare il dissesto idrogeologico"
MESSINA - Circa 4 mila persone hanno manifestato ieri pomeriggio nel villaggio di Torre Faro a Messina contro la realizzazione del ponte sullo Stretto. Il corteo, formato da semplici cittadini di Torre Faro, il rione dove dovrebbe sorgere il ponte, esponenti della Retenoponte, rappresentanti di numerosi associazioni e del mondo politico, è partito da dove si trovano le trivelle della società Stretto di Messina che sta effettuando i sondaggi per la costruzione del ponte. "E' stata una manifestazione pacifica, tutto è andato bene - ha detto Tonino Cafeo, della Retenoponte -. C'è stata molta partecipazione da parte degli abitanti del posto che hanno messo in piedi anche un proprio comitato e non vogliono che le trivelle entrino nei loro condomini". "Riteniamo importante - ha aggiunto Cafeo - realizzare opere utili anche per evitare il dissesto idrogeologico che a Messina e provincia ha causato molti danni. Infatti saremo di nuovo in piazza simbolicamente proprio il 2 ottobre, il giorno dopo l'anniversario annuale del nubifragio di Messina. Da sottolineare la presenza di molti artisti, tra i quali i componenti dell'associazione 'Consequenze' che hanno messo in scena una rivisitazione dell'opera 'Gastone' di Ettore Petrolini".
29/08/2010

Bagnasco sulla Fiat: «Seguire le parole di Napolitano»

Il cardinale Angelo Bagnasco
''Da un parte l'auspicio che tutti facciamo e' che si risolva la vertenza Fiat nel modo migliore per tutti, dall'altra parte le parole che il Capo dello Stato ha detto mi pare siano proprio una linea di azione valida per tutti''. E' stato stamani a Genova l'invito dell'arcivescovo di Genova e presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, fatto a margine delle celebrazioni per il 520/mo anniversario dell'apparizione della Madonna della Guardia. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano aveva esortato affinche' sui ''tre lavoratori licenziati poi reintegrati a Melfi si rispetti la decisione dei giudici''. Sulla vertenza Fiat e la disoccupazione crescente in Italia il cardinale Bagnasco ha lanciato un appello alla politica: ''Il lavoro e' fondamentale per costruirsi una famiglia. Ripeto: speriamo che attraverso un dialogo insistente e intelligente si possa arrivare a una soluzione definitiva ed equa per tutti''. ''Una nuova classe politica, cristiana nei fatti non nelle parole, e' un richiamo da sempre. Fa parte della fede di ogni credente essere in modo intelligente coerente con la propria fede e presente nelle diverse responsabilita' sociali, civili e politiche'', ha quindi aggiunto l'arcivescovo di Genova. L’Unità, 29 agosto 2010

Palermo, finisce in ospedale il precario in sciopero della fame

Pietro Di Grusa
di SALVO INTRAVAIA
Il collaboratore scolastico Pietro DI Grusa è stato nuovamente ricoverato all'ospedale Villa Sofia dopo che aveva avuto un malore. La protesta contro i tagli era cominciata il 17 agosto
È stato ricoverato per la terza volta in ospedale Pietro Di Grusa, il collaboratore scolastico palermitano in sciopero della fame dal 17 agosto contro i tagli al personale previsti dal governo nazionale. I medici lo hanno costretto a sospendere la protesta. "Alle 11, Pietro ha avvertito un malore tale da convincerlo a fare chiamare l'ambulanza", racconta Silvia Bisagna, supplente di Inglese. I medici hanno consigliato il ricovero. Di Grusa, stremato dal caldo e dal digiuno, questa volta ha accettato. "Il tutto avviene - continua la precaria - nell'indifferenza assoluta delle istituzioni, sedicenti democratiche, ma Pietro è circondato dall'affetto e dal supporto di tanti colleghi, amici e anche semplici passanti". Di Grusa è disidratato e malconcio per avere anche sospeso i farmaci per la cardiopatia di cui è affetto. Dopo alcune cure, i sanitari di Villa Sofia lo hanno dimesso con un "piano di rientro" che lo riabitui ad alimentarsi gradualmente. "Appena starò un po' meglio - dichiara - tornerò in piazza". Salvo Altadonna, sostenuto dai colleghi, continua invece la protesta in via Praga, davanti all'Ufficio scolastico regionale di Palermo. Martedì si recherà a Catania e Caltanissetta per sostenere le manifestazioni dei colleghi catanesi e nisseni. E da domani, quello di via Praga si trasformerà in un sit-in permanente. Lo ha annunciato il coordinamento precari della Flc Cgil. Sul fronte romano, Giacomo Russo e Caterina Altamore, sostenuti da un folto gruppo di precari provenienti da diverse città italiane, proseguono lo sciopero della fame nella capitale. Oggi hanno fatto tappa in viale Trastevere, dove ha sede il ministero dell'Istruzione. "Ma ci trasferiamo - dice Russo - nuovamente a piazza Montecitorio. Sospenderemo lo sciopero solo dopo un dibattito pubblico con la Gelmini". E, intanto, incassano la solidarietà di Nichi Vendola. "Non posso che sentirmi vicino a Pietro, Salvo e Giacomo e a tutti coloro che si stanno battendo per salvare il futuro dei nostri giovani, del nostro paese e della nostra scuola, chiedendo al governo di ritirare la legge 133", dichiara il governatore della Puglia.
(La Repubblica, 28 agosto 2010)

domenica 29 agosto 2010

L’intervista a “Samarcanda” di Libero Grassi -11/04/1991

Oggi l'anniversario dell'omicidio di Libero Grassi. Addiopizzo: "Testimone di grande onestà"

L'imprenditore Libero Grassi
"Il 29 Agosto 1991 veniva brutalmente assassinato Libero Grassi, l'imprenditore siciliano che ebbe il coraggio di opporsi alle richieste di racket della mafia e di denunciare pubblicamente gli estorsori". Lo afferma in occasione del diciannovesimo anniversario della sua morte, l'associazione Addiopizzo Catania in una nota, ricordandone la "grande testimonianza di onestà, integrità morale e dignità personale". "Libero Grassi - si legge nel comunicato - fu lasciato solo nella sua ribellione contro la mafia: ad ucciderlo non sono stati soltanto i sicari, ma anche l'indifferenza dei suoi colleghi imprenditori e la scarsa solidarietà dell'opinione pubblica. Oggi, a diciannove anni di distanza, lo scenario è decisamente mutato: a testimoniarlo sono tutti quegli imprenditori che l'associazione Addiopizzo Catania si è impegnata a sostenere, convincendoli che si può dire 'no' al pizzo, ed è meglio se a farlo si è tutti insieme. Anche Catania, sull'esempio di Palermo, possiede oggi una lista di commercianti che si sono dichiarati pizzo free, tantissimi sono i consumatori che si sono impegnati a sostenerli, aderendo al progetto del Consumo critico, e vivissime sono le speranze che la lista cresca nel tempo". "Ci sembra un degno modo - conclude Addio Pizzo Catania - non solo di ricordare, ma anche di percorrere il cammino tracciato da un uomo che ha sacrificato la sua vita nel nome della legalità".
29 agosto 2010

Corleone. Diario dai campi di lavoro confiscati alla mafia: Toscani e non solo!!

L'incontro alla Camera del lavoro con Dino Paternostro
Ieri ultima sera per Giuliana: scusa perfetta per fare un altro giro notturno per Corleone, accompagnati dal nostro cicerone Davide. Anzi, accompagnatE: eravamo infatti 6 dolci donzelle. Abbiamo scoperto da dove Manzoni trasse la storia di Fra' Cristoforo; ripercorso la storia della città lungo i murales di via Bentivegna e, infine, ci siamo goduti uno splendido panorama: Corleone e la torre saracena illuminate dalle stelle e dalla luna piena. Dopo questo romanticismo, tanto gossip tra ragazzi in terrazzo. E la stanchezza si è fatta sentire sul campo questa mattina!! Per fortuna però abbiamo finito presto, grazie agli straordinari dei giorni precedenti. A casa le solite code per la doccia, unica arma contro zolfo e macchie di terra, ma soprattutto contro la puzza di POMODORO marcio. E finalmente a tavola! piatto forte: pasta al POMODOROOOOOOOO. E tanti saluti a Francesca e Rosetta, le nostre cuoche siciliane. Solito riposino, solita partita a "lupus", solita chiacchierata con i lavoratori della cooperativa. Ore 18.00: incontro alla camera del lavoro CGIL con Dino Paternostro, che ci ha raccontato della storia dell'antimafia a partire dalla nascita dei fasci siciliani del 1892. È stato interessante soprattutto per capire come nel corso degli anni, tra cambiamenti storici, politici, sociali, economici dell'Italia e del mondo, la presenza mafiosa e il suo potere in questi paesi sia sopravvissuta. Così la classe dirigente e i governi che si sono susseguiti negli anni non hanno mai considerato il dover sradicare le organizzazioni mafiose una priorità assoluta per il paese.
Tornando verso casa Caponnetto, abbiamo avuto una piacevole chiacchierata con una anziana che prendeva il fresco e le abbiamo raccontato chi siamo e cosa facciamo. Stasera grande festa per il compleanno di Patrizia, moglie di Pino Maniaci, il quale ne ha approfittato per farci vedere la puntata del suo TG con la iena Pif, e un servizio sulla cooperativa. Cena siciliana: immancabile pasta al POMODORO, arancini di riso, polpettine di patate e fantastica cassata siciliana. Chi giocherà a lupus, chi uscirà, chi dormirà, chi spettegolerà. In ogni caso a letto presto: domani è un altro giorno nei campi!
Adele ed Elisabetta
Corleone 27 agosto 2010

sabato 28 agosto 2010

La borghesia mafiosa di Reggio Calabria

di ALBERTO CISTERNA*
A Reggio Calabria si sta consumando uno scontro dal quale potrebbero emergere indicazioni vincolanti per chi voglia veramente porsi il problema di cancellare le mafie.
 Cosa sta accadendo nella città dello Stretto? Uso immagini suggerite dal procuratore Pietro Grasso e da altri osservatori. Succede che un potere «altro» dalla ‘ndrangheta, e quindi «oltre» la mafia, utilizza per i propri obiettivi le cosche senza escludere, quando serve, la componente militare. Da più parti si sostiene che dietro l’ennesimo attentato, il più grave, contro il procuratore generale Di Landro, si dipanino le strategie di una ‘ndrangheta fortemente saldata a zone oscure della società calabrese e che la scelta di colpire a fondo il capo della magistratura inquirente sia il frutto di un convergente interesse delle cosche e di non meglio identificati poteri occulti.
* Sostituto procuratore Antimafia
LEGGI TUTTO

Oggi quotidiano cartaceo, domani Digital Magazine. La rivoluzione tecnologica dell'editoria non conosce soste

di Domenico Giardina
Ormai bisogna rassegnarsi. I quotidiani così come li conosciamo sono destinati ad andare incontro a una progressiva scomparsa o a rimanere un prodotto di nicchia per nostalgici o per chi non può fare a meno di averlo tra le mani e sentire il contatto delle dita con la carta. Con l’arrivo dell’iPad e degli altri tablet che presto gili faranno concorrenza (qualcuno è già sbarcato sul mercato) l’esperienza di leggere un quotidiano è destinata a diventare multimediale. Il Digital Magazine sembra essere il futuro dell’editoria. Il digital magazine è una via di mezzo che unisce il piacere di sfogliare (su video, ovviamente) il giornale così come tutti lo conosciamo, a contenuti multimediali sempre più sorprendenti, siano essi video, foto o qualsiasi altro nuovo ritrovato come le immagini che parlano o testi che scivolano via una volta letti fino all’ultima riga. Una via di mezzo tra il sito web e il giornale, quindi, che diverse aziende nel mondo hanno colto come possibilità e per questo motivo stanno cercando di implementare nuove tecnologie per sfruttare le potenzialità dei tablet. Attualmente sono pochi i digital magazine veri e propri in circolazione. Sugli utenti hanno fatto presa le classiche applicazioni che permettono di sfogliare il quotidiano già dalle prime ore del mattino, senza doversi recare all’edicola. Un’esperienza che, in molti casi, non aggiunge null’altro alla semplice lettura. Un esempio di digital magazine puro è la rivista tecnologica Wired, la prima a proporsi come vero e proprio digital magazine con tutti i vantaggi del caso. La risposta degli utenti, al momento, non è stata delle migliori. Ma l’impressione è che i numeri siano destinati a crescere. Anche gli editori sembrano puntare forte sul nuovo formato, nonostante la sua gestione richieda una redazione dedicata. E se questa, un giorno, dovesse soppiantare quella classica? A oggi non ci è dato saperlo ma tra qualche tempo ogni curiosità verrà soddisfatta. Anche con un semplice tocco di un indice su uno schermo.
SiciliaInformazioni, 28 agosto 2010

Mafia. Confindustria, Legacoop ed Ance hanno aderito al decalogo antiracket proposto da LiberoFuturo e Addiopizzo: "Espulso chi viene indagato"

Enrico Colajanni, presidente di "Libero Futuro"
Basterà un avviso di garanzia per associazione mafiosa o concorso esterno per essere sospeso ed espulso da Confindustria Palermo, Lega delle Cooperative e Ance, l'associazione degli edili. Le tre organizzazioni datoriali hanno aderito al decalogo antiracket proposto dall'associazione LiberoFuturo e da Addiopizzo, presentato a Palermo nella facoltà di Giurisprudenza. Le nuove regole inaspriscono le sanzioni già previste dalla Confindustria nel proprio statuto per gli associati che non denunciano di avere subito richieste dal racket del pizzo. Una svolta voluta dal leader degli industriali Ivan Lo Bello e fatta propria da Emma Mercegaglia, che adesso il neo presidente della Confindustria di Palermo, Alessandro Albanese, rilancia con regole ancora più ferree. Il decalogo sarà sottoscritto domani in occasione del 19/o anniversario dell'assassinio dell'imprenditore Libero Grassi, ucciso nel 1991 per essersi ribellato al pizzo. Per prevenire il fenomeno mafioso, tutelare e difendere i propri iscritti, Confindustria, Ange e Legacoop hanno deciso di integrare i rispettivi statuti con dieci nuove regole. Il decalogo prevede l'attivazione di un servizio di assistenza per le denunce e uno post-denuncia per aiutare gli imprenditori, vittime del racket delle estorsioni, che decidono di collaborare con le forze dell'ordine. Inoltre impegna le associazioni a costituirsi parte civile nei processi, dove sono presenti propri iscritti, contro gli estorsori e in quelli contro imprenditori imputati dei reati di associazione mafiosa o concorso esterno in associazione mafiosa. Il decalogo prevede poi di rendere pubblico l'elenco aggiornato degli associati e sostenere il movimento del Consumo critico di Addiopizzo, invitando le imprese ad aderire. "Molti imprenditori stanno cominciando a opporre resistenza in diverse zone della città, dice il responsabile dell'associazione “Libero Futuro”, Enrico Colajanni - anche in quelle più marginali e controllate dal sistema mafioso. Gli imprenditori devono sapere che non c'é spazio all'interno delle associazioni di categoria per chi ha delle ombre". Per il presidente di Confindustria Palermo, Alessandro Albanese, "questo decalogo è il risultato di un percorso di elaborazione avviato con Addiopizzo e Libero Futuro da tempo. E' importante aderire perché sono previste norme comportamentali che saranno inserite negli statuti delle associazioni di categoria e perché rivoluziona il modo stesso di fare associazione". "Il mondo delle cooperative è da sempre impegnato in questo senso e il nostro codice etico contiene già regole simili - dice Filippo Parrino di Legacoop - Abbiamo deciso di promuovere e firmare questo decalogo perché pensiamo che il nostro impegno deve essere messo a disposizione dell'associazione". Fonte: SiciliaInformazioni

Faraone lancia la sfida a Cammarata e annuncia: "Mi candido a sindaco di Palermo"

Davide Faraone
"Mi candido a sindaco di Palermo". Davide Faraone, deputato regionale e consigliere comunale del Pd, rompe gli indugi nel centrosinistra, nell'ipotesi che all'eventuale voto anticipato per le politiche segua quello per il comune di Palermo, dove per la verità il mandato del sindaco Diego Cammarata scade nel 2012. "In primavera si andrà a votare - sostiene Faraone - e anche se si dovesse votare alla scadenza naturale le primarie vanno indette immediatamente. C'é tanto lavoro da fare per risollevare Palermo, tanta partecipazione dei cittadini. Che fa aspettiamo Godot? Se Lombardo sta di qua o di là? Se Fini fa un partito? Se nasce il terzo polo? Poi magari si alza il burocrate di turno e ti dice che per fare le alleanze non c'é più tempo". "Non si può dire viva le primarie finché le puoi gestire, infili la maglia rosa a Pistelli e poi vince Renzi, allora nasce un problema", aggiunge Faraone. "L'Ars è una palude - prosegue - qui abbiamo trasformato la nostra opposizione in una discoteca, guardate quanti casini gli abbiamo messo per le loro magagne. I consiglieri comunali, ma anche le forze sociali, i movimenti, le associazioni. Puoi dire a tutti questi la ricreazione è finita, torna il tavolo dei partiti che decide tutto per voi? Poi è facile che i cittadini ti ribaltino il tavolo. E' da qui che deve ripartire l'alternativa".
28 agosto 2010

I precari della scuola alla Camera: "Costretti a lasciare la Sicilia"

Roma, protesta davanti a Montecitorio contro i tagli "truffa". Un'altra insegnante comincia lo sciopero della fame: "In Sicilia ci sono zero posti, dopo 14 anni di lavoro a Palermo dovrò andare via" . ROMA - Hanno preso un aereo alle 8.30 del mattino da Palermo per proseguire la loro protesta nella capitale, dove si è più vicini alla cabina di comando. Qui si sono uniti a un gruppo di insegnanti e tecnici della scuola di Roma e delle regioni del Sud: alcune decine di precari hanno partecipato a un sit-in davanti alla Camera cercando adesioni per formare un coordinamento nazionale che scenda in piazza e chieda con forza di ritirare la riforma Gelmini. "La scuola pubblica non si tocca, la difenderemo con la lotta", lo slogan scandito mostrando uno striscione con su scritto "Tagli alla scuola: una truffa per tutti" a piazza Montecitorio, che nell'ultimo anno è stata teatro di molte battaglie per il posto di lavoro. In serata protesta in viale Trastevere, davanti al ministero dell'Istruzione, dove un piccolo gruppo passerà la notte. Tra i manifestanti due precari siciliani, Giacomo Russo, di Palermo, in sciopero della fame da dieci giorni, e Caterina Altamore, maestra precaria alle elementari da 14 anni, che da oggi inizia l'astensione dal cibo. L'intenzione è quella di proseguire a oltranza: "Fino a che il ministro Gelmini non accetterà un incontro pubblico e mi convincerà - specifica Russo - che la sua riforma farà bene alla scuola". Si tratta, assicura, non di una battaglia di una categoria, quella dei precari, ma per il futuro della scuola pubblica "e se abbiamo la forza di metterci insieme il governo dovrà cedere, perché noi siamo il Paese reale, loro sono virtuali e provvisori". Caterina Altamore è amara: "Dopo 14 anni di insegnamento a Palermo sono costretta ad andare a lavorare in Lombardia, in coda nelle graduatorie; in Sicilia ci sono zero posti, a Brescia forse avrò un incarico, ma ancora non ne sono sicura". Ad appoggiare la protesta la Flc-Cgil e i sindacati di base. "La Cgil scuola - assicura il segretario, Mimmo Pantaleo, presente al sit in - non intende adottare un atteggiamento supino. Non ci interessa quello che fanno gli altri sindacati subalterni che accettano tutto quello che ha proposto il governo".

Aiello lascia il carcere e torna a Bagheria

di SALVO PALAZZOLO
Michele Aiello
Il "re" della sanità libero dopo la condanna a 15 anni. I giudici: "Non può fuggire"
Era tornato in carcere a gennaio, dopo la sentenza della corte d'appello che gli aveva aggravato la condanna per associazione mafiosa, da 14 anni a 15 anni e mezzo. Michele Aiello, il re mida della sanità privata siciliana accusato di essere stato in affari con Bernardo Provenzano, è nuovamente in libertà: ieri pomeriggio, dopo la decisione del tribunale del riesame di Palermo, ha lasciato il carcere milanese di Opera. Secondo il collegio presieduto da Fabio Marino (giudice relatore, Luisa Anna Cattina), non c'è il pericolo che fugga. Aiello è tornato nella sua Bagheria, ma le ville di Aspra, Santa Flavia e Ficarazzi in cui un tempo trascorreva l'estate sono ormai confiscate. L'ex manager ha solo l'obbligo di presentarsi tre volte alla settimana in commissariato e di non lasciare l'Italia. La scarcerazione di Michele Aiello arriva al culmine di una lunga battaglia giudiziaria. Il primo appello degli avvocati Sergio Monaco e Michele De Stefani era stato respinto dal tribunale del riesame: a marzo, i giudici che componevano quel collegio ritennero che Aiello potesse fuggire. A luglio, la Corte di Cassazione ha invece accolto le argomentazioni della difesa, annullando con rinvio il provvedimento dei giudici di Palermo. Il 23 luglio scorso, il tribunale del riesame è tornato a valutare il caso Aiello: la decisione è stata depositata ieri mattina. I giudici sostengono che l'imprenditore abbia mantenuto sempre un comportamento inappuntabile durante il periodo degli arresti domiciliari, concessi per motivi di salute dal 26 marzo 2004, quattro mesi dopo il blitz della Procura e dei carabinieri, e mantenuti fino al 3 novembre 2006. Poi, Aiello era tornato in libertà, mantenuta anche dopo la condanna di primo grado. Il mese scorso, l'imprenditore è stato ricoverato al centro clinico di Opera, ma prima di qualsiasi cura è arrivata la scarcerazione. Sono così tutti i liberi i protagonisti della rete riservata di Michele Aiello, che avrebbe carpito notizie riservate di indagini antimafia per passarle ai boss. Nonostante la corte d'appello abbia aggravato il verdetto: 7 anni, invece di 5 per l'ex presidente della Regione Totò Cuffaro (oggi senatore), con l'aggravante di aver favorito Cosa nostra; 8 anni, invece di 7 per l'ex esperto di microspie del Ros, Giorgio Riolo (che si è dimesso dall'Arma), condannato per concorso esterno in associazione mafiosa e non più per favoreggiamento. L'ex maresciallo della Dia, Giuseppe Ciuro (tornato nei ranghi della Finanza), ha scelto di essere giudicato col rito abbreviato e l'originaria accusa di concorso esterno è diventata favoreggiamento semplice. Così, dei 4 anni e 8 mesi della condanna 3 sarebbero scontati con l'indulto. Ciuro attende adesso il verdetto definitivo della Cassazione. Ad Aiello sono stati invece confiscati beni per 800 milioni di euro.
Fonte: a Repubblica

venerdì 27 agosto 2010

Reggio, nuovo attacco della 'ndrangheta: bomba contro la casa del Procuratore

Il P.G. di Reggio Calabria, Di Landro
di GIUSEPPE BALDESSARRO
L'ordigno nella notte, in una zona centrale e particolarmente controllata: nessun ferito. Il magistrato era in casa con la moglie. Il procuratore Antimafia Grasso: "Prosegue la sfida alle istituzioni". Centinaia a sit-in di solidarietà sotto casa del giudice REGGIO CALABRIA - Questa volta il segnale è stato chiarissimo. Non ci sono dubbi sul fatto che nel mirino ci sia il Procuratore Generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro. Stanotte, pochi minuti prima delle 2, una bomba è stata fatta esplodere davanti al portone del palazzo in cui vive il magistrato reggino. Un boato che ha divelto il portone d'ingresso, devastato l'atrio e procurato danni ad alcune abitazioni vicine. Solo danni materiali, per fortuna nessun ferito. Di Landro abita tra l'altro in pieno centro, a Parco Caserta, zona residenziale della città dello Stretto. Un dedalo di viuzze molto frequentate a tutte le ore, anche in agosto. "Contro di me, a partire dall'attentato a gennaio contro la Procura generale, c'é stata una tensione malevola e delittuosa crescente, da parte della criminalità organizzata, che si è personalizzata", ha dichiarato Di Landro, facendo riferimento alla bomba fatta esplodere la scorsa notte contro la sua abitazione. "Vogliono farmela pagare, evidentemente, per il fatto che ho sempre ed in ogni circostanza fatto il mio dovere di magistrato". LEGGI TUTTO

Marchionne: "Basta lotta operai-padrone. Su Melfi accetto l'invito di Napolitano"

Sergio Marchionne
E il Capo dello Stato lo ringrazia: "Nessuno si sottragga al confronto". Da Rimini l'ad della Fiat si rivolge anche a Epifani: "Sono disponibile a incontrarlo, è una persona che rispetto". Il segretario: "Gli spiegherò perché sbaglia". Gli operai licenziati: "Se non ha paura della verità venga qui da noi"
RIMINI - Ha difeso con forza la posizione della Fiat nella vicenda che vede protagonisti i tre operai licenziati di Melfi 1, ha sottolineato l'importanza della scelta di investire a Pomigliano d'Arco, chiedendo un maggiore apprezzamento per l'operato del gruppo automobilistico in Italia, soprattutto ha criticato a fondo il sistema industriale italiano. Per Sergio Marchionne, amministratore delegato della Fiat, che oggi a Rimini ha tenuto un attesissimo intervento al Meeting di Comunione e Liberazione, il sistema italiano deve superare definitivamente il conflitto "operai-padrone", ma soprattutto deve innovarsi, aprirsi alla globalizzazione, capire che non si può investire se i lavoratori non tengono fermi gli impegni assunti. "Fino a quando non ci lasciamo alle spalle i vecchi schemi non ci sarà mai spazio per vedere nuovi orizzonti", ha affermato Marchionne.
A margine dell'intervento, l'amministratore delegato del Gruppo Fiat ha tenuto poi a precisare che nel suo discorso non c'era una critica nei confronti del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che alcuni giorni fa rispondendo ai tre lavoratori licenziati aveva invitato l'azienda a rispettare la sentenza della magistratura: "Ho grandissimo rispetto per il presidente della Repubblica come persona e per il suo ruolo istituzionale. Per la sua posizione istituzionale accetto quello che ha detto come un invito a trovare una soluzione" alla vicenda di Melfi.
Una disponibilità per la quale più tardi il presidente della Repubblica lo ha ringraziato. "Anche in Italia si sa apprezzare lo straordinario sforzo compiuto per rilanciare l'azienda e proiettarla nel mondo di oggi - si legge nel messaggio di Napolitano a Marchionne - fronteggiando l'imperativo del cambiamento che nasce dalle radicali trasformazioni in atto sul piano globale. Su questo terreno non possono sottrarsi al confronto le istituzioni e le parti sociali, nessuna esclusa".
Sempre al termine della conferenza, Marchionne si è detto disponibile anche a incontrare il segretario della Cgil Sergio Epifani: "Sono totalmente aperto anch'io a parlare con Epifani. E' una persona che rispetto, con un profilo intellettualmente onesto". A stretto giro arriva la risposta del segretario della Cgil, intervistato dal Tg1. Sono "pronto ad incontrare Marchionne", ha detto Epifani, ma questo per "spiegargli perché sbaglia nel suo oltranzismo. Non serve un braccio di ferro, ci vuole il dialogo".
Fonte: La Repubblica

Istat, boom del lavoro "intermittente": aumentato del 75% tra il 2007 e il 2009

Lavoro intermittente... nei ristoranti
di ROSARIA AMATO
Chi è assunto con questo tipo di contratto lavora circa un terzo dei colleghi a tempo indeterminato, e ricopre per la stragrande maggioranza posizioni con bassa qualifica. Sono utilizzati soprattutto nel settore alberghi e ristoranti

ROMA - Tra il 2009 e il 2007 il lavoro a chiamata è aumentato del 75 per cento: a rilevarlo è l'Istat, che precisa che le imprese che hanno utilizzato almeno un 'lavoratore intermittente' nel 2007 erano 48.000, due anni dopo erano quasi raddoppiate, con una forte concentrazione (54,5 per cento) nel settore degli alberghi e ristoranti. Infatti ognuna di queste imprese occupa in media 2,8 lavoratori a chiamata, che costituiscono il 37 per cento dei dipendenti dell'impresa. Il lavoro a chiamata è stato introdotto dalla legislazione italiana nel 2004, ricorda l'Istituto di Statistica, ma solo dal 2006 è diventato possibile raccogliere ed esaminare i dati, perché nel frattempo l'Inps aveva definito la relativa disciplina previdenziale. La crescita dei contratti di questo tipo viene rilevata nell'arco di due anni, e non di anno in anno perché a un certo punto, nella prima metà del 2008, era intervenuta una modifica della legislazione che ne limitava l'applicazione ai settori del turismo e dello spettacolo. Ma nel luglio dello stesso anno è stata ripristinata la disciplina precedente, e così i contratti a chiamata hanno ricominciato a crescere fino a raggiungere le 111.000 unità.
Gli 'intermittenti' sono soprattutto operai. Le imprese ricorrono al contratto di lavoro intermittente quasi esclusivamente per coprire posizioni lavorative con qualifica operaia, che rappresentano il 90 per cento circa del totale, rileva l'Istat, con un massimo di oltre il 98 per cento nel settore degli alberghi e ristoranti. I dipendenti a chiamata inquadrati come impiegati costituiscono una quota significativa solo nel settore del commercio (36 per cento circa nel 2007 e 30 per cento nel 2009).
Lavorano un settimo degli altri dipendenti. I lavoratori a chiamata lavorano molto meno dei colleghi che hanno un contratto a tempo indeterminato: infatti l'Istat ha rilevato come nel settore degli alberghi e ristoranti "la quantità di ore lavorate per posizione lavorativa rappresenta meno di un settimo dell'orario full time previsto dai contratti collettivi applicati in questo comparto". Il mese in cui si lavora di più è ovviamente agosto. Nel 2009 il numero medio delle ore pro capite mensili era pari a 30,8, e il valore più elevato si registrava nel settore delle costruzioni.

Quelle ombre su Renato Schifani...

di Lirio Abbate
Il Senato della Repubblica
Dice il pentito Spatuzza che il presidente del Senato, in passato legale di boss, avrebbe fatto da tramite tra i Graviano e Berlusconi. I pm cercano riscontri
Ci sono ombre inquietanti che si dipanano nel passato del presidente del Senato Renato Schifani. Eda questa oscurità sembrano spuntare di tanto in tanto spettri che avvolgono la vita personale e professionale degli ultimi trent'anni dell'avvocato e senatore eletto nel collegio siciliano di Altofonte- Corleone sotto l'insegna di Silvio Berlusconi. Su questo passato ancora poco chiaro il leader dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, è stato molto preciso: «Sappiamo che, secondo molti testimoni, l'avvocato Schifani aveva rapporti con ambienti pericolosi. E il suo ruolo andava ben oltre la semplice assistenza legale. Sono ombre che non lasciano tranquilli». LEGGI TUTTO

Palermo come un cimitero per la protesta dei precari della scuola

Tombe finte, fiori e lumini in piazza Politeama: "Non abbiamo altri mezzi per far sentire la nostra voce contro i tagli scolastici". Il sottosegretario all'Istruzione: "Dal governo risorse aggiuntive". Due manifestanti insistono con lo sciopero della fame
PALERMO - Manifestazione dei precari della scuola nel pomeriggio, a Palermo. Un sit-in è stato organizzato in piazza Politeama, trasformata per l'occasione in un cimitero, con tanto di tombe finte, fiori e lumini. L'iniziativa è stata promossa dal Coordinamento precari Scuola per protestare contro i tagli degli organici del personale docente e Ata. "Abbiamo fatto una scelta dura che ci metterà a rischio, ma non abbiamo altri mezzi per far sentire la nostra voce e andremo fino in fondo con coraggio e dignità. Domani inizieremo uno sciopero della fame davanti al ministero della Pubblica istruzione. Chiederemo al ministro Gelmini di fare marcia indietro sul decreto che distrugge la scuola pubblica in Sicilia, con il taglio dei docenti e del personale amministrativo", dice Caterina Altamore, una dei manifestanti, che da giorni insieme ai colleghi precari sta protestando davanti all'ufficio scolastico provinciale di Palermo. "La scuola pubblica - aggiunge Altamore - è una grande risorsa per la Sicilia e per il Paese. Ieri l'incontro con il Presidente della Regione non è stato facile, abbiamo apprezzato il suo interesse e la sua disponibilità ad affrontare il problema. Gli chiediamo un impegno forte e concreto per il ritiro della riforma 133, per una scuola a tempo pieno e quindi la stabilizzazione di tutti i precari". Salvo Altadonna, uno dei due precari della scuola al decimo giorno di sciopero della fame, ha ribadito che la protesta "andrà avanti a oltranza".
26/08/2010

mercoledì 25 agosto 2010

I nostri sondaggi. Per il 60% dei lettori il ministro Maroni a Corleone ha fatto solo passerella

Maroni in "passerella" a Corleone
Avevamo chiesto ai nostri lettori: “La visita del ministro Maroni a Corleone per Ferragosto alle ore 13.00 rappresenta”: 1. Un atto di arroganza istituzionale; 2. La dimostrazione che non vuole favorire la partecipazione dei cittadini; 3. La manifestazione di un'attenzione verso Corleone e la Sicilia; 4. Un modo per fare "passerella" e dire: "Sono stato a Corleone". La prima domanda è stata votata da 5 lettori (8%); anche la seconda domanda è stata votata da 5 lettori (8%); la terza domanda, invece, da 13 lettori (22%); la quarta, infine, da 35 lettori (60%).

Mafia, dallo Stato 100 milioni per i beni confiscati. "Ma bisogna presentare progetti che pensino al futuro"

L'inaugurazione del laboratorio della legalità
In arrivo i finanziamenti del Pon Sicurezza. Richieste in aumento anche in Sicilia. "I fondi ci sono - dice il responsabile, il prefetto Nicola Izzo - ma bisogna presentare progetti che pensino al futuro". PALERMO. Dallo Stato 100 milioni da investire in beni confiscati. Arriva il “Pon Sicurezza”, che servirà a finanziare decine di attività, prima di tutto quelle avviate nei locali che un tempo furono di Cosa Nostra, come l’ex casa di Provenzano, diventata un presidio di legalità. Un patrimonio dunque da reimpiegare per usi sociali in quelle regioni (come la Sicilia) dove il peso specifico della criminalità organizzata è maggiore. Se ne parla sul Giornale di Sicilia in edicola oggi, in un’intervista realizzata da Leopoldo Gargano al responsabile del “Pon”, il prefetto Nicola Izzo, vice capo vicario della polizia. “Con il passare dei mesi arrivano sempre più richieste di finanziamento – dice Izzo – solo che devono essere dei progetti in linea con le direttive dell’Unione Europea, quindi devono essere sostenibili, cioè deve avere una funzione sociale e deve reggersi in piedi da sola, anche dopo il finanziamento, un po’ come è successo con la bottega che è stata aperta nell’immobile confiscato a Bernardo Provenzano e consegnata dal ministro dell’Interno Maroni lo scorso Ferragosto a Corleone”. Dal Prefetto arriva anche una considerazione importante sulla lotta alla criminalità: “Il lavoro è la strada migliore – dice Izzo - Il concetto è di non fare assistenzialismo, bensì fornire occasioni per lo sviluppo. In sostanza non regaliamo il pesce, ma forniamo la canna da pesca”.

Sanità in Sicilia, rottura tra medici e assessore. "La riforma mette a rischio la salute"

di GIOVANNI SCARLATA
I sindacati bocciano le piante organiche disegnate da Russo: "Esuberi e possibile diminuzione dei ricoveri". Bocciate anche le possibili 2.900 assunzioni "È solo una mossa pre-elettorale"
L'assessore Massimo Russo
Possibili esuberi per circa 3.500 medici in tutta la Sicilia, liste d'attesa destinate ad allungarsi, reparti che saranno costretti a chiudere e perfino il rischio di bloccare i ricoveri nei fine settimana per ridistribuire il personale in altri reparti. Questo è l'allarme lanciato da Anaao Assomed, Cimo, Aaroi, Cgil Medici, Anpo Ascoti Fials medici, Fvm, Fesmed e Uil Medici al termine dell'incontro svoltosi ieri all'assessorato regionale alla Salute per discutere le linee guida per la formazione delle piante organiche delle aziende sanitarie della Sicilia. I sindacati hanno dichiarato lo stato di agitazione del personale medico almeno fino al 7 settembre, giorno in cui ci sarà un vertice fra le segreterie delle organizzazioni sindacali che non escludono la possibilità di uno sciopero a carattere regionale. "Non si può fare una riforma che va contro i medici. Russo si rifiuta di ascoltarci". Così Renato Costa, segretario regionale dei medici della Cgil, giudica il decreto emanato dall'assessore regionale Massimo Russo sulle piante organiche. Per la Cgil, infatti, sono molti i punti poco chiari del provvedimento pubblicato il 13 agosto. Dito puntato soprattutto contro l'annuncio di 2.900 assunzioni, giudicato una mossa elettorale. "È impossibile che si possano assumere quasi tremila persone quando il decreto non le prevede - continua Costa - sarebbe opportuno smetterla di fare annunci e dedicarsi alla realtà. Non è un problema che riguarda solo i lavoratori ma anche la qualità del servizio che si offre ai siciliani. Prima di deospedalizzare bisogna intervenire sulla medicina territoriale o la gente non avrà come curarsi". Il fatto è che nel decreto firmato da Russo si prevedono 2.900 assunzioni, ma si annunciano anche esuberi che possono andare da 580 fino a 3.500 unità. Sono cifre, queste, che allarmano i sindacati. I quali paventano, proprio a causa dei tagli, ospedali meno sicuri, con personale ridotto all'osso e che non potranno fornire tutti i servizi necessari. Ne è convinto, per esempio, Angelo Collodoro dell'Anpo Ascoti Fials medici, che punta il dito sulla confusione che il decreto potrebbe creare nelle strutture ospedaliere quando si tratterà di stabilire in concreto il personale in esubero per ciascun reparto. "Russo ha approntato un decreto che lascia la discrezionalità di spalmare gli esuberi tra i vari reparti ai direttori generali, dunque a personale non medico. Questo va bene quando si tratta di una catena di montaggio ma non in un settore altamente specializzato come quello medico", dice Collodoro. Predica calma Claudio Barone, segretario regionale della Uil: "La riorganizzazione della sanità siciliana deve procedere il più velocemente possibile ma con il pieno coinvolgimento di medici e sindacati. Con il governo non è rottura ma per ottenere risultati positivi è necessario un dialogo vero".
(La Repubblica, 25 agosto 2010)

Melfi, operai: "Non ci fanno entrare, ma restiamo sempre dietro i cancelli". I vescovi plaudono all'intervento di Napolitano

I tre operai licenziati davanti ai cancelli di Melfi
I tre dipendenti licenziati e reintegrati dal giudice esprimono soddisfazione per le parole del presidente e del ministro Matteoli. Anche i vescovi con il Colle
MELFI - I tre operai che la Fiat di Melfi non intende far lavorare nonostante una sentenza ne disponga il reintegro annunciano che continueranno a presentarsi tutti i giorni ai cancelli della fabbrica, anche se l'azienda dovesse mantenere ferma la propria posizione fino a quando si concluderà il processo d'appello. "Non entreremo neanche oggi in fabbrica ma saremo qui ogni giorno, al turno delle ore 14: ci aspettiamo novità positive per domani", hanno detto Giovanni Barozzino e Antonio Lamorte. Lamorte, parlando con i giornalisti, ha sottolineato "l'importanza delle dichiarazioni del Ministro delle Infrastrutture, Altero Matteoli, sulla necessità che le sentenze dei giudici siano rispettate, anche se non piacciono". Ma ancora maggiore, ha affermato Barozzino, è la soddisfazione per la lettera che il presidente della Repubblica Napolitano ha loro inviato ieri, rispondendo dopo poche ore al loro appello: "Provo ancora una sensazione bellissima al pensiero che il presidente della Repubblica ha risposto alla nostra lettera. Lo ringraziamo profondamente e speriamo che il suo intervento serva a sbloccare questa vicenda". "L'intervento del presidente Napolitano è stato nobilissimo, rapido, incisivo e lucido". E' quanto ha detto mons. Giancarlo Maria Bregantini, Presidente della Commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace. "L'azienda - ha aggiunto - ha dei compiti e degli obblighi non solo di natura economica ma anche di natura personale. Poi c'è la funzione sociale, cioè la responsabilità verso la persona e l'ambiente, quindi la dignità di fronte a Dio". Alla luce dunque della dottrina sociale della Chiesa, conclude il prelato, si può dire "che l'azienda stia compiendo un errore etico".
(La Repubblica, 25 agosto 2010)

Minacce mafiose al senatore Giuseppe Lumia e al sindacalista della Cgil Vincenzo Liarda: Finirete come Falcone"

La lettera di minaccia a Lumia e Liarda
Petralia Sottana (Pa): busta con bossoli diretta al senatore del Pd e il sindacalista della Cgil Vincenzo Liarda. Dentro le foto dei giudici uccisi dalla mafia e un messaggio molto chiaro
PALERMO - Una lettera di minacce al senatore del Pd Beppe Lumia e al sindacalista della Cgil Vincenzo Liarda è stata recapitata stamani alla Camera del lavoro di Petralia Sottana (Pa). La busta non era timbrata. Nella missiva sono attaccati ritagli di giornali sulla vicenda del feudo Verbumcaudo e due bossoli P38. Nella lettera compaiono anche tre scritte, nella prima si legge, "Morte a Lumia e Liarda", accanto uno stralcio di giornale che riportava la foto del senatore del Pd su su cui era stata disegnata una croce. Inoltre, entrambi i cognomi del parlamentare e del sindacalista erano segnati con una croce. Nella seconda scritta, "Questi sono veri e bastano per farvi stare zitti per sempre", in riferimento ai bossoli, e infine "Non siete così importanti ma solo mezze cannucce, ma vi finirà peggio di loro", con a fianco le foto di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. E' la terza lettera minatoria recapitata in tre mesi al sindacalista, responsabile della Cgil a Polizzi Generosa, che con il senatore Lumia è impegnato nel riutilizzo del feudo Verbumcaudo, confiscato al boss mafioso deceduto, Michele Greco, e affidato al Comune. La prima lettera spedita al sindacalista, inviata tra fine aprile e inizio maggio, conteneva due proiettili e l'invito a non occuparsi più dell'assegnazione alla comunità del feudo per scopi sociali. La seconda busta è stata recapitata a casa del sindacalista, conteneva polvere da sparo, ed era rivolta anche al senatore Lumia. Per sostenere la battaglia del sindacalista, centinaia di persone, lo scorso 16 giugno, parteciparono all'occupazione simbolica del fesudo Verbumcaudo, organizzata dalla Cgil e dalla Flai.
24/08/2010
LA SOLIDARIETA' DI CRACOLICI E FARAONE
LA REAZIONE DEL SENATORE LUMIA

martedì 24 agosto 2010

Dietro le minacce ai tre agenti della Catturandi c'è l'ombra di Messina Denaro

Agenti della Catturandi di Palermo
di SALVO PALAZZOLO
"Che bei mariti avete, che belle famiglie". Intimidazioni e agenti trasferiti, ma la squadra non si ferma. Ormai ha un solo obiettivo: il super ricercato. La telecamera di sorveglianza di un negozio ha ripreso l'auto sulla quale è salito lo sconosciuto che ha avvicinato la moglie di un ispettore nei giorni scorsi
Hanno fermato la moglie di un ispettore della squadra Catturandi con una scusa: "Signora, può darci un'informazione?". Erano in tre, su un'auto. Uno è sceso. In mano teneva delle fotografie. "Che bei mariti avete - ha esordito - che belle famiglie". E intanto, scorreva le immagini. Era l'inizio di agosto. In quelle foto non c'erano soltanto il marito della donna e i suoi familiari, ma anche altri tre poliziotti della sezione Catturandi della squadra mobile di Palermo. Come anticipato da Repubblica nei giorni scorsi, l'ispettore e la sua famiglia sono stati già trasferiti d'urgenza in una località segreta. Adesso, si apprende che ci sono anche altri investigatori nel mirino. Tutti fanno parte dello storico gruppo che ha arrestato il gotha di Cosa nostra: da Salvatore Lo Piccolo a Mimmo Raccuglia e Gianni Nicchi. Da gennaio, la Catturandi di Palermo ha ormai un solo obiettivo: il boss trapanese Matteo Messina Denaro, latitante dal 1994. Alcune di quelle fotografie mostrate alla moglie dell'ispettore sono state scattate davanti alla squadra mobile, probabilmente proprio dopo gli ultimi arresti, quello di Raccuglia o di Nicchi, avvenuti fra il 15 novembre e il 5 dicembre dell'anno scorso. Si vedono i poliziotti mentre ritornano dal blitz. Evidentemente, qualcuno li spiava già da tempo. E non ha esitato a confondersi fra i giovani che esultavano davanti alla Mobile. La telecamera di un negozio ha ripreso l'auto con i tre misteriosi uomini che si allontanano a velocità. Purtroppo, le immagini hanno una risoluzione scadente, non è stato dunque possibile risalire al numero di targa. Gli investigatori della Mobile continuano a cercare. Le indagini sono coordinate dal procuratore aggiunto Ignazio De Francisci e dal sostituto Francesca Mazzocco. In questi giorni, si riesaminano anche le dichiarazioni del confidente che a luglio aveva svelato ai carabinieri del Ros di alcuni progetti di attentato proposti dagli "emergenti" dei clan palermitani: nel mirino erano stati indicati la squadra mobile e il palazzo di giustizia di Palermo. Dopo quelle rivelazioni era partito un fonogramma di allerta dal Viminale. La fonte riferiva che di quei progetti di attentato si sarebbe discusso durante un summit alla stadio della Favorita. Presente anche Matteo Messina Denaro: la fonte sostiene che il boss trapanese si oppose al ritorno degli attentati. Di più non sappiamo. Sull'attendibilità della fonte l'intelligence antimafia si è divisa. Anche in Procura ci sono valutazioni diverse. Di certo, però, all'inizio di agosto, i poliziotti della Mobile di Palermo sono finiti nel mirino con un'azione a sorpresa. Una coincidenza inquietante. Qualcuno ha pedinato e fotografato l'ispettore della Catturandi mentre usciva dalla squadra mobile, mentre faceva la spesa con i suoi familiari. Lui adesso è lontano da Palermo: "Non mi lascerò intimidire - ha detto a un amico prima di partire - nessun poliziotto di Palermo farà mai un passo indietro". Per i ragazzi e le ragazze della Catturandi l'ultima indagine - quella su Messina Denaro - è già da tempo molto di più che la solita caccia al superlatitante. Da gennaio - da quando il capo della Catturandi, Mario Bignone, ha scoperto di avere un tumore - questa indagine è stata una lotta per la vita. In un letto d'ospedale, all'indomani dell'operazione di Bignone, è nato il gruppo speciale "Messina Denaro", di cui fanno parte anche gli investigatori della squadra mobile di Trapani, della sezione Criminalità organizzata di Palermo e del servizio centrale operativo. Mario Bignone non ce l'ha fatta, è morto il 21 luglio. Adesso, i suoi ragazzi vogliono portare a termine la sua indagine.
(La Repubblica, 24 agosto 2010)

Famiglia Cristiana critica Berlusconi: "Dimezza la Costituzione, comanda solo lui!"

Il settimanale dei paolini contro il Cavaliere: "Dimezza la costituzione, comanda solo lui. Chi dissente va distrutto".
La copertina di Famiglia Cristiana
ROMA - Famiglia Cristiana attacca. Il Pdl risponde. La regola del ''berlusconismo''? Per il settimanale dei paolini il ''metodo'' seguito con l'ex direttore di Avvenire Dino Boffo parla chiaro: ''Chi dissente, va distrutto''. La Costituzione dimezzata. E' il titolo dell'editoriale di "Famiglia Cristiana", in edicola da domani. Nell'articolo Beppe Del Colle prende di mira il presidente del Consiglio e le sue recenti esternazioni sui "formalismi costituzionali". ''Berlusconi ha detto chiaro e tondo che nel cammino verso le elezioni anticipate - qualora il piano dei cinque punti non riceva rapidamente la fiducia del Parlamento - non si farà incantare da nessuno, tantomeno dai 'formalismi costituzionali'". Un'affermazione che, prosegue il settimanale dei paolini, contraddice il dettato della Carta. "Così lo sappiamo dalla sua viva voce: in Italia comanda solo lui, grazie alla 'sovranità popolare' che finora lo ha votato. La Costituzione in realtà dice: 'La sovranità appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione'. Berlusconi si ferma a metà della frase, il resto non gli interessa, è puro 'formalismo'''. L'affondo si fa più duro quando si parla del mondo cattolico. "La discesa in campo in Berlusconi", scrive Del Colle, "ha avuto come risultato quello che nessun politico nel mezzo secolo precedente aveva mai sperato di spaccare in due il voto cattolico, (o, per meglio dire, il voto democristiano)". La regola del berlusconismo sembra avere una regola: "se promette alla Chiesa di appassionarsi (soprattutto con i suoi atei-devoti) all’embrione e a tutto il resto, con la vita quotidiana degli altri non ha esitazioni: "il metodo Boffo" (chi dissente va distrutto) è fatto apposta.

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha risposto ai tre operai Fiat

Napolitano con gli operai Fiat
«Cari Barozzino, Lamorte e Pignatelli, ho letto con attenzione la lettera che avete voluto indirizzarmi e non posso che esprimere il mio profondo rammarico per la tensione creatasi alla FIAT SATA di Melfi in relazione ai licenziamenti che vi hanno colpito e, successivamente, alla mancata vostra reintegrazione nel posto di lavoro sulla base della decisione del Tribunale di Melfi». Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha così risposto ai tre lavoratori della Fiat Sata di Melfi che si erano rivolti a lui. «Anche per quest'ultimo sviluppo della vicenda - ricorda il capo dello stato - è chiamata a intervenire, su esplicita richiesta vostra e dei vostri legali, l'Autorità Giudiziaria: e ad essa non posso che rimettermi anch'io, proprio per rispetto di quelle regole dello Stato di diritto a cui voi vi richiamate». «Comprendo molto bene come consideriate lesivo della vostra dignità percepire la retribuzione senza lavorare - scrive ancora Napolitano -. Il mio vivissimo auspicio - che spero sia ascoltato anche dalla dirigenza della FIAT - è che questo grave episodio possa essere superato, nell'attesa di una conclusiva definizione del conflitto in sede giudiziaria, e in modo da creare le condizioni per un confronto pacato e serio su questioni di grande rilievo come quelle del futuro dell'attività della maggiore azienda manufatturiera italiana e dell'evoluzione delle relazioni industriali nel contesto di una aspra competizione sul mercato globale». L'Unità, 24 agosto 2010

Campi di lavoro antimafia. E' iniziata la vendemmia a Canicattì

Si vendemmia...
Il sole non si era ancora levato quando ci siamo lentamente alzati dai nostri cari e caldi letti, esattamente alle 5 di mattina. Dopo una veloce colazione e tutti in pulmino, direzione Canicattì, dove, a circa un’ora e mezza da casa Caponnetto, si trova un vigneto gestito dalla Cooperativa. Una volta arrivati subito al lavoro, armati di guanti, forbici, secchi…e tanta tanta tanta acqua!!! Il nostro obiettivo vendemmiare un ettaro di uva per vino Chardonnay. Dopo alcune ore di duro lavoro ed un iniziale disorientamento causato dal solo battente e dalla foga del primo giorno di lavoro (poveri incoscienti!!!) abbiamo potuto rinfrescarci e rifocillarci con dei panini alquanto abbondanti preparati dal nostro mitico Franco. Ancora più carichi di prima eccoci subito di nuovo al lavoro…con un sole ancora più insidioso. Arrivati gli ultimi filari erano già arrivate le cinque di pomeriggio. Stanchi ma soddisfatti del nostro lavoro, dopo una mitica veloce foto di gruppo, impregnati di succo d’uva, ci siamo incamminati verso una agognata doccia ed una attesa cena rifocillante. Adesso vi dobbiamo lasciare perché ci aspetta un incontro con i soci della “Cooperativa Lavoro e non solo”, che ci illustreranno la storia di questa esperienza. Domani mattina sveglia presto, ma non troppo, per dirigerci verso la raccolta dei pomodori! Speriamo non faccia troppo caldo!
Jacopo e Valentina
Corleone 23 agosto 2010

A proposito dei costi della politica: quanto costa il Comune di Palermo?

Il sindaco di Palermo Diego Cammarata
Secondo una stima, per sostenere le 8 circoscrizioni di Palermo servono 19 milioni e mezzo di euro per il personale, un milione e mezzo per gettoni di presenza, quasi tre per i salari dei consiglieri di Palazzo delle Aquile PALERMO - Le otto circoscrizioni comunali di Palermo costano circa 19 milioni e mezzo di euro solo per il personale oltre a un mln e 710 mila euro per gettoni ai consiglieri e ai presidenti cicoscrizionali, e a 850 mila euro per rimborsi alle ditte da cui dipendono. Due mln 974 mila euro è la cifra dei rimborsi di salari e stipendi e dei gettoni di presenza per i consiglieri comunali senza contare che gli ospiti di sala delle lapidi, che sono dipendenti di un altro ente pubblico, vengono rimborsati da quest'ultimo. I consiglieri comunali sono perennemente giustificati per le assenze dal posto di lavoro e il Comune rimborsa alle aziende le giornate non lavorate dal dipendente-consigliere. Il politico quindi non lavora nell'ente pubblico o nell'azienda perchè ufficialmente impegnato per l'attività comunale ma percepisce lo stesso lo stipendio. Oltre agli stipendi non documentabili perché non rimborsati dal Comune, come quello di Giulio Tantillo, dipendente del ministero P.I., Elio Bonfanti, funzionario regionale, Salvatore Orlando, dipendente della provincia di Palermo, Antonella Monastra, ginecologa in un consultorio, ci sono i rimborsi documentati, nel 2009, come quello di Fabrizio Ferrandelli, 34 mila euro alla Banca popolare Sant'Angelo, di Rosario Filoramo, 51.774 all'Unione italiana sport per tutti, di Giuseppe Milazzo, 22520 euro all'Amia, di Stefania Munafò, 24647 euro di rimborso a una coop di cui è dipendente. C'è anche il caso di Cesare Mattaliano, impiegato comunale, che non prende lo stipendio perché la legge gli impone l'aspettativa.
24/08/2010

Palermo, un viaggio virtuale nei misteri del soffitto a muqarnas della Cappella Palatina

Una splendida immagine della Cappella Palatina 
Palermo, 24 ago. - (Adnkronos) - Il sito della Fondazione Federico II si arricchisce di un nuovo spazio. Sono, infatti, consultabili da oggi una serie di fotografie, in alta risoluzione, che riproducono particolari del soffitto a muqarnas della Cappella Palatina, collocata all'interno di Palazzo dei Normanni e sede del Parlamento siciliano. Correda le immagini un articolo di Alessandra Rosciglione, storico dell'arte e restauratrice, impegnata nei recenti lavori di recupero del soffitto della Palatina, finanziati dal magnate tedesco Reinhardt Wurth. Attraverso i testi predisposti da Alessandra Rosciglione e le immagini ravvicinate, scattate dalla stessa restauratrice, la Fondazione Federico II ripropone ai visitatori di oggi un tour virtuale nello straordinario e pur sempre misterioso soffitto a Muqarnas della Cappella Palatina. La Cappella Palatina rappresenta il maggior esempio dell'eclettismo stilistico siciliano del XII secolo ed e' collocata in posizione baricentrica rispetto al complesso palaziale. Le immagini riprodotte nel soffitto a Muqarnas sono circa 750. Si tratta di dipinti su tavola indipendenti l'uno dall'altro, sia dal punto vista strutturale che iconografico. Non esiste infatti alcun ordine concettuale. Quello che colpisce maggiormente e' la dimensione ridotta, quasi miniaturizzata, delle scene rappresentate. La cura, la meticolosita' e l'amore con cui gli artisti dipinsero queste scene di vita quotidiana, consapevoli sicuramente che la distanza dal pavimento le avrebbe rese poco visibili, testimoniano lo spirito con cui lavorarono e la dedizione rivolta solo alla glorificazione di Dio (il lavoro, secondo i dettami dell'Islam, e' una forma di adorazione) e del principe come corrispondente laico del Sovrano celeste, come il Cristo trionfante nei mosaici del presbiterio. (24 agosto 2010)

lunedì 23 agosto 2010

Scuola, PD Palermo: "Il 26 agosto saremo in piazza accanto ai lavoratori"

"IL PD di Palermo sostiene la vertenza dei lavoratori della scuola, è accanto al personale scolastico, agli studenti e alle loro famiglie e parteciperà al sit-in di protesta del 26 agosto, a Piazza Politeama, indetto dal Coordinamento Precari Scuola". Lo comunicano i componenti la Reggenza provinciale del Partito democratico di Palermo Manuela Abate, Domenico Fazio, Rosario Filoramo, Gandolfo Librizzi, Leonardo Passerello e Teresa Piccione. "Non c'è nessuna riforma della scuola - affermano esprimendo solidarietà agli operatori scolastici - ma solo una lunga serie di tagli che impoveriscono l'offerta formativa dei bambini e degli adolescenti, cancellano servizi alle famiglie, causano il licenziamento dei lavoratori e privano di futuro il Paese". "La Sicilia è la terra più colpita: a fronte di più 100mila stabilizzazioni previste dal Governo Prodi nella scuola, l'asse Berlusconi-Tremonti-Bossi, in stretta collaborazione col ministro Gelmini, si rivela ancora una volta il più grande nemico dello sviluppo della nostra terra". "Chiediamo al Presidente Lombardo di farsi portavoce di una veemente protesta contro l'ennesimo furto di speranza perpetrato ai danni del popolo siciliano e di adoperarsi in ogni modo - concludono - per modificare l'attuale insostenibile situazione". 23 Agosto 2010

Jail tour a Palermo per la valorizzazione del lavoro in carcere

Sabato 28 agosto alle ore 15,30 alla BOTTEGA DEI SAPERI E DEI SAPORI DELLA LEGALITA' di Piazza Castelnuovo 13 a Palermo, la Coop. Sociale Azzurra, Libera – associazioni nomi e numeri contro le mafie, Navarra Editore e Quvivi presentano il progetto Recuperiamoci! per la valorizzazione del lavoro in carcere ed il recupero del detenuto tramite un percorso “protetto” di transizione verso il reinserimento nel mondo del lavoro. Il progetto offre visibilità ai prodotti “made in carcere”, tra cui: biscotti, vino, olio, miele, zafferano, conserve alimentari, magliette e capi sartoriali di alta qualità, ferro battuto, libri, agende, computer recuperati e molto altro, in vista dell'apertura di un emporio permanente del prossimo autunno. A seguire alle ore 18,00 presso il QUVIVI di Piazza Rivoluzione verrà allestita la proiezione del Video “Sul Lavoro In Carcere” con esposizione prodotti. L'economia carceraria viaggia su 4 ruote grazie a Jail Tour 2010, un'iniziativa di recuperiamoci.org per la promozione dell'economia carceraria italiana.

Sergio Flamigni: «Il caso Moro resta il mistero mai svelato da Cossiga»

Francesco Cossiga
di Oreste Pivetta Quando muore un uomo come Cossiga, per gli incarichi che ha rivestito, per la stagione che ha attraversato, è naturale chiedersi quanti misteri si porti appresso… Sergio Flamigni, per vent’anni parlamentare del Pci, membro della commissione d’inchiesta sul caso Moro, vivendo le più drammatiche e intricate vicende della nostra storia repubblicana, ha avvicinato molti di quei misteri.Flamigni, è fondato pensare che Cossiga qualche mistero l’abbia mantenuto per sé?«Di un mistero, soprattutto, mi sentirei di dire: il mistero legato al caso Moro, la vicenda che gli creò il turbamento maggiore, come ebbe lui stesso modo di ripetere. Ma ricordare il caso Moro significa innanzitutto, e purtroppo, mettere in rilievo il fatto che Cossiga fu il più fallimentare ministro degli Interni della Repubblica...». LEGGI TUTTO