giovedì 18 novembre 2010

Palermo, udienza preliminare per l’omicidio Rostagno

PALERMO - È iniziata davanti al gup di Palermo Estorina Contino l'udienza preliminare per l'omicidio di Mauro Rostagno, il sociologo-giornalista ucciso dalla mafia il 22 settembre del 1988 nel Trapanese. Oggi il gup deciderà se rinviare a giudizio i due imputati, il boss mafioso Vincenzo Virga e Vito Mazzara uomo d'onore di Valderice (Trapani). L'accusa è rappresentata dal procuratore aggiunto Antonio Ingroia e dal pm Gaetano Paci. Per i due magistrati Virga sarebbe il mandante dell'omicidio e Mazzara uno dei sicari. I pm si sono basati sui risulati di una perizia balistica. Per l'omicidio Rostagno sono state seguite diverse piste, tra cui quella 'internà che portava al giornalista Francesco Cardella con il quale aveva fondato la comunità Saman. Ma la posizione di Cardella, indagato prima per favoreggiamento poi per concorso nell'omicidio, è stata archiviata. La svolta è arrivata soltanto poco tempo fa con la perizia balistica. Rostagno fu ucciso con un fucile calibro 12, per i pm la stessa arma usata per altri omicidi mafiosi.

Nessun commento: