domenica 16 agosto 2009

Berlusconi e i suoi ministri si ostinano a non sciogliere per mafia il comune dsi Fondi

Il consiglio comunale di Fondi non è stato sciolto perchè «diversi ministri hanno fatto notare come nessun componente della giunta o del consiglio comunale di Fondi sia stato toccato da un avviso di garanzia: quindi sarebbe stato agire grave con un intervento come quello dello scioglimento del consiglio comunale». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, rispondendo alla domanda di un giornalista durante la conferenza stampa al termine del vertice sulla sicurezza al Viminale con i ministri Roberto Maroni e Angelino Alfano nel giorno di Ferragosto. Il prefetto Bruno Frattasi lasciato solo. Nel novembre del 2008 ha chiesto lo scioglimento del comune perché «sono emersi elementi su collegamenti diretti degli amministratori con la criminalità organizzata tali da compromettere la libera determinazione degli organi elettivi e il regolare funzionamento dei servizi». La sua richiesta di scioglimento, che significa decadenza di tutte le cariche dal sindaco in giù, è stata ribadita nel febbraio 2009 ministro dell’Interno. In genere, quando il ministro dell’Interno chiede lo scioglimento il Consiglio dei ministri accoglie e dispone nel giro di quindici giorni. E invece nel giorno di Ferragosto, l'ennesima melina: "Non si scioglie".
16 agosto 2009

Nessun commento: