martedì 10 marzo 2009

61° anniversario. Corleone ha ricordato Placido Rizzotto, il segretario della Cgil assassinato dalla mafia del feudo

Corleone (*co.di.*) Gli alunni delle Scuole Elementari si sono stretti attorno al busto in bronzo di Placido Rizzotto e con i loro sorrisi e le loro poesie recitate in Piazza Garibaldi hanno reso il migliore omaggio alla memoria del sindacalista assassinato dalla mafia del feudo il 10 marzo del 1948. Poesie in dialetto ed in italiano che hanno fatto commuovere il nipote Placido Rizzotto, presente alla cerimonia, che ieri è tornato a chiedere con forza che siano riportate alla luce le spoglie mortali dello zio dalla foiba di Rocca Busambra. In serata Placido Rizzotto sarà ricordato in consiglio comunale, convocato per l’occasione dal presidente Mario Lanza.
Nella foto (Di Carlo) un momento della cerimonia da sinistra: Adele Cinà della Camera del Lavoro di Palermo, Dino Paternostro segretario della Camera del Lavoro di Corleone, Placido Rizzotto nipote del sindacalista ucciso dalla mafia, il sindaco Nino Iannazzo ed il presidente del consiglio comunale Mario Lanza.

Giuseppe Lumia: "Rizzotto è un esempio ancora attuale per le giovani generazioni"
Palermo, 10 marzo 2006 - «La storia di Placido Rizzotto non va solo ricordata per una generica e rituale memoria della lotta alla mafia. Rizzotto è, invece, un esempio ancora attuale per la sua capacità di legare profondamente la dimensione della legalità a quella dello viluppo nella sua opposizione a Cosa nostra», ha detto il senatore del Pd Giuseppe Lumia, componente della Commissione Antimafia, ricordando la figura del segretario della Camera del Lavoro rapito e poi ucciso a Corleone, in provincia di Palermo, il 10 marzo del 1948. «La felice e innovativa esperienza delle cooperative che gestiscono i beni confiscati – aggiunge l’esponente del Pd – deve interpellare la politica che in questo campo deve investire perché l’attacco ai patrimoni di Cosa nostra rimane la via maestra nel contrasto alle mafie».

Nessun commento: