venerdì 29 febbraio 2008

Mafia, la sfida di Riina jr: a passeggio con i familiari per le vie di Corleone

Prima la firma in caserma, poi insieme ai familiari a spasso per la città. Il sindaco incredulo accusa: "La sua presenza ci mette in difficoltà".

PALERMO - Il figlio del boss Riina, scarcerato ieri per decorrenza dei termini, ha trascorso il primo giorno di libertà passeggiando per Corleone insieme ai familiari. Ha sfidato lo sguardo incredulo di qualche compaesano, salutando con sorrisi e cenni della mano gli amici che non vedeva da sei anni, da quando fu arrestato per associazione mafiosa. Il sindaco Antonino Iannazzo non esita a definire "scoraggiante" l'episodio: "Saremmo stati ben felice se fosse andato a vivere da un'altra parte", ammette con rammarico. "La sua presenza in città ci mette in difficoltà. Sarà il test effettivo per capire se Corleone ha maturato gli anticorpi contro Cosa nostra. La città non è quella che lui ha lasciato anni fa. C'è stato un cambiamento profondo ed è maturata la consapevolezza del vantaggio della legalità". LEGGI TUTTO

giovedì 28 febbraio 2008

Termini scaduti, libero Riina jr. E nasce la polemica: "Assurdo"

La Cassazione libera il terzogenito del boss siciliano era in cella dal 2002. Condannato per associazione mafiosa. Ha lasciato il carcere a bordo di una Mercedes. Amato: "Amareggiato per la Polizia". E Scotti chiede notizie

PALERMO - "Salvuccio" Riina è libero. A bordo di una Mercedes nera ha lasciato il carcere di Sulmona. Jeans nero, felpa rosa e giubbotto senza maniche Moncler, Giuseppe Salvatore Riina, 27 anni, il più piccolo dei figli maschi del boss Totò e nipote di Leoluca Bagarella, ha lasciato alla spalle il pesante portone del carcere speciale alle 16 in punto. Libero, per decorrenza termini. Condannato in appello a 8 anni e dieci mesi per associazione mafiosa, in attesa della Cassazione (un secondo passaggio visto che il primo aveva deciso per un rinvio), è passato troppo tempo da quando è stato pronunciato il giudizio di secondo grado senza che sia ancora intervenuto quello definitivo. LEGGI TUTTO

LA CARRIERA DI UN ASPIRANTE BOSS

Di Pietro annuncia primi 350 milioni per strade in Sicilia

PALERMO - "Nei prossimi giorni, il ministero dell'Economia provvederà a trasferire al ministero delle Infrastrutture i primi 350 milioni di euro per l'ammodernamento e il potenziamento della viabilità secondaria in Sicilia". Lo afferma il ministro Antonio Di Pietro. "Per questo motivo - aggiunge - le nove Province siciliane devono attivarsi per dar corso alla programmazione degli interventi, formulando un piano generale, ripartito in tre piani stralcio in funzione delle risorse annuali assegnate, in modo da rendere flessibile e tempestiva l'attivazione dei fondi assegnati. Inoltre, le Province dovranno individuare un responsabile del piano, interfaccia nei rapporti col ministero e responsabile per il coordinamento e la vigilanza". "Il finanziamento per la viabilità secondaria in Sicilia - ha ricordato Di Pietro - è stato disposto con la finanziaria 2007 e prevede un contributo complessivo di un miliardo 50 milioni di euro, ripartito su tre annualità fino al 2009". "A questo punto - conclude il ministro - lo stesso senso di responsabilità ho chiesto alle Province siciliane, raccomandando la puntuale osservanza di tutti gli adempimenti di loro competenza, per poter ridurre al minimo i tempi di assegnazione e gestione dei finanziamenti".
28/02/2008

mercoledì 27 febbraio 2008

Corleone, sorgerà un agriturismo nelle terre di "Drago" confiscate a Riina

PALERMO - A cinque chilometri da Corleone, nelle terre confiscate al boss Salvatore Riina, sorgerà un agriturismo, grazie all'impegno della cooperativa Pio La Torre e ai finanziamenti del ministero dell'Interno. Due fabbricati, di proprietà del boss, sono stati ristrutturati e sono pronti ad ospitare la prossima estate turisti e amanti della buona cucina tradizionale siciliana. "Ci saranno sedici posti letto - ha detto una delle 14 persone che compongono la cooperativa, Floriana Di Leonardo - e ottantotto coperti. Inoltre i terreni sono proprio a due passi dalla riserva naturale del Gorgo del drago".
27/02/2008

Nasce il decalogo del buon elettore

L'iniziativa è dell'associazione civile catanese Cittainsieme: una serie di comandamenti diffusi sotto forma di "santino".
CATANIA - Non votare chi accetta voti di provenienza mafiosa o chi utilizza la propria carica per elargire privilegi personali; votare chi è coraggioso e responsabile. Sono alcune delle indicazioni del decalogo del 'buon elettore' realizzato a forma di 'santino' dall'associazione civile Cittainsieme di Catania. Si invita a non votare chi ha condanne penali o è rinviato a giudizio, chi è stato assenteista, accumula cariche ed è voltagabbana. Si auspica il voto, invece, per il candidato che è coraggioso, responsabile e coerente che consente di votare con speranza. Il decalogo del 'buon elettore' di Cittainsieme riguarda anche i partiti. Non votare quelli che, oltre ai requisiti citati per i candidati, presentano amici degli amici e sistemano i 'trombati' in aziende pubbliche. Per l'associazione bisogna invece votare quel partito che, dimostrandolo con i fatti, mette al centro del suo programma e della sua azione quotidiana il bene di tutti e la pulizia nella politica. Cittainsieme invita gli elettori "a riflettere e andare a votare". "Il politico corrotto - si legge nel 'santino' - ha bisogno del cittadino da corrompere; il politico onesto, capace, competente ha bisogno di te"
27/02/2008
LEGGI IL DECALOGO DEL BUON ELETTORE

martedì 26 febbraio 2008

Anna Finocchiaro: "Lombardo? Un disastro"

Finocchiaro al tg di Sky: "I rapporti personali con il mio rivale sono buoni, ma non quelli politici. Anche lui dovrà rispondere dell'incredibile deficit di Catania, che è ancora al buio". Sulla Sicilia: "E' l'ora di darle una nuova immagine, io mi rivolgo a tutti i moderati". Sul ponte: "Prima pensiamo ai porti, quello di Augusta può diventare il più importante del Mediterraneo". LEGGI TUTTO

Lombardo, leader Mpa: "Rinnegare Cuffaro è da vermi"

Perentorio intervento del candidato del centrodestra alla poltrona di governatore in Sicilia: "Ho un'amicizia trentennale con Totò e a differenza di molti uomini della sinistra, che da lui hanno ottenuto vantaggi e privilegi, non lo ripudio. Famoso per la assunzioni? E' una menzogna". LEGGI TUTTO

Cos'è il Sub-Priorato del Piemonte dell’Ordine di San Fortunato onlus

PALERMO - Per ricorrere un po’ le tappe della creazione del Sub-Priorato del Piemonte dell'Ordine di San Fortunato onlus, bisogna risalire alla sera del 2 luglio 2005, quando a Torino è stata ufficialmente inaugurata l’ Associazione omonima, con scopi culturali e caritatevoli che opera in tutti i campi della cultura e dell'assistenza sociale. Per ripercorrere le tappe che hanno portato alla creazione di questo Ordine, bisogna tornare al 600 d.C., quando Fortunat di Poitiers, allora Cardinale della città, fondò un circolo di amici che operava in campo sociale. Dopo la sua morte fu Prosper Montaigner a continuare quest'attività, ponendo come pilastri per un buon operato, i principi del bene e della bellezza. LEGGI TUTTO

Palermo. Nasce associazione familiari vittime di mafia

PALERMO - Si è costituita venerdì scorso, a Palermo, l'associazione familiari vittime della mafia. Ne fanno parte 41 persone, tra le quali i figli di Beppe Alfano, il giornalista ucciso dalla mafia e Giuseppe Ciminisi, il cui padre venne assassinato a San Giovanni Gemini, nell'Agrigentino, nel 1981. "Molte persone - spiega il portavoce dell'associazione Nicolò Conti - non sono a conoscenza dei sussidi e degli aiuti che la legge statale e regionale garantisce loro in qualità di familiari di vittime. Noi, tra le altre cose, vorremmo metterli a conoscenza della normativa". In una nota i componenti dell'associazione rivolgono un appello a tutti i familiari di vittime della mafia interessati ad aderire all'iniziativa: potranno contattare il 334 3728133 per avere informazioni.
25/02/2008

lunedì 25 febbraio 2008

Due vignette di Sergio Staino

Regione Sicilia, accordo trovato nel centrodestra

Dopo il via libera a Lombardo per la candidatura alla presidenza della Regione, raggiunta un'intesa tra Berlusconi e il leader di Forza Italia in Sicilia Gianfranco Miccichè: "Sarò il garante, a livello di governo nazionale, del rinnovamento e del cambiamento nella politica siciliana. Sul piano siciliano sceglierò gli uomini della giunta Lombardo"

ROMA
- "Silvio Berlusconi mi ha chiesto di essere il garante, a livello di governo nazionale, del rinnovamento e del cambiamento nella politica siciliana: io fino ad oggi mi sono sempre rifiutato per non dare l'idea di alzare il prezzo ma oggi quella partita è finita e la situazione è diversa". Gianfranco Miccichè ha ritrovato il feeling con Silvio Berlusconi. LEGGI TUTTO
Anna Finocchiaro: "Ma Lombardo è come Cuiffaro"

venerdì 22 febbraio 2008

Rita Borsellino: "Perchè il tandem con Anna Finocchiaro..."

Prima di tutto: grazie. Grazie per la vostra passione, per l’entusiasmo e l’affetto che mi avete dimostrato. Grazie per avere fatto sentire alta la vostra voce ed avere sostenuto la mia, la nostra candidatura. In queste settimane ho visto moltiplicarsi i comitati e anche le adesioni all’appello lanciato da Consolo e da tanti intellettuali e artisti. Ognuno ha speso la propria professionalità, la propria credibilità e identità per Rita Borsellino e il leggere sul sito tante firme, insieme a tanti percorsi diversi, mi ha fatto comprendere quanto fosse importante fare di tutto perché il cammino intrapreso in questi anni potesse andare avanti. LEGGI TUTTO

Elezioni in Sicilia. Tensione tra Pdl e Lombardo. Forza Italia sceglie la Prestigiacomo

Svolta nella corsa verso la poltrona di Governatore dell'isola. Passo indietro di Miccichè, ma l'Mpa punta i piedi. Accordo a rischio

di EMANUELE LAURIA

PALERMO - Forza Italia ha scelto il candidato per la presidenza della Regione Sicilia: è Stefania Prestigiacomo, ex ministro per le pari opportunità. Il presidente dell'Ars, Gianfranco Micciché, fa un passo indietro: "Il nome di Stefania, per me, offre ampie garanzie, può essere lei a continuare la mia battaglia. Credo che su questa soluzione si arriverà a una convergenza di tutte le forze del centrodestra, compresa l'Udc". La conferma arriva da parte di Giuseppe Castiglione, vicecoordinatore regionale del partito di Berlusconi, mentre sono in corso nuovi contatti con il Cavaliere. Una scelta, quella della Prestigiacomo, che sbloccherebbe il caso Sicilia: Micciché, nei giorni scorsi, si era opposto alla candidatura dell'autonomista Raffaele Lombardo e a un accordo con l'Udc di Salvatore Cuffaro, dicendosi pronto a correre anche da solo, fuori dal Popolo della libertà, con la lista "rivoluzione siciliana". Ma Lombardo resiste. "Ha già presentato la propria candidatura e non ha intenzione di tornare indietro: confermo - dice il senatore dell'Mpa Giovanni Pistorio - che domenica Lombardo aprirà la propria campagna elettorale a Catania. Ho appena parlato con Raffaele: per lui, la scelta di correre per la Regione è irrinunciabile". E anche l'Udc non scioglie, almeno per ora, la riserva: "Il nostro candidato era e rimane Raffaele Lombardo", afferma Saverio Romano, segretgaro dello scudocrociato in Sicilia.
(La Repubblica, 22 febbraio 2008)

giovedì 21 febbraio 2008

Mafia, sequestrato il tesoro di Bernardo Provenzano e Salvatore Lo Piccolo

Posti i sigilli a centinaia di immobili tra Trapani e Palermo riconducibili a un prestanome per un valore di circa 150 milioni di euro

PALERMO - Beni per circa 150 milioni di euro sono stati sequestrati a un prestanome dei boss Bernardo Provenzano e Salvatore Lo Piccolo. A farlo sono stati gli agenti della sezione Misure di prevenzione della questura di Palermo che, nell'operazione denominata ''Secret business'' hanno apposto i sigilli a centinaia di immobili in provincia di Trapani e di Palermo riconducibili ad Andrea Impastato, 60 anni, arrestato nel 2002 per mafia e ritenuto un prestanome dei due boss. LEGGI TUTTO

mercoledì 20 febbraio 2008

"Abbiamo scelto Lombardo come candidato alla presidenza della Regione Sicilia"

L'annuncio di Calderoli: "Berlusconi ha deciso, il leader Mpa sarà l'unico candidato del centrodestra alla presidenza della Regione siciliana. Miccichè ne prenderà atto"
ROMA - "Oggi si è raggiunto un accordo politico con la soddisfazione di tutte le parti: Raffaele Lombardo sarà il candidato unitario di tutto il centrodestra siciliano". E' quanto annuncia Roberto Calderoli, spiegando le ragioni che hanno portato all'intesa su Lombardo, che in queste ore sta rientrando a Catania per stare vicino al padre le cui condizioni di salute si sono aggravate. LEGGI TUTTO

martedì 19 febbraio 2008

Berlusconi, meno 2% in un mese. Ma al Senato ha la maggioranza

Piepoli svela ad "Affari" il suo ultimo sondaggio. Pdl+Lega hanno 10 punti su Pd+Idv. Il Cavaliere ha perso il 2%, ma al momento ha 170 senatori: maggioranza. Il sondaggista Luigi Crespi ad Affari: il Pd ha recuperato due punti. Veltroni è partito alla grande, Berlusconi sta sbagliando tutto.
“Il distacco tra le due principali coalizioni è di dieci punti netti, a favore di Popolo della Libertà-Lega Nord. Ma questo vantaggio è diminuito di circa due punti nell'arco di un mese". Nicola Piepoli rivela in esclusiva ad Affari l'ultimo sondaggio datato 18 febbraio. "Nell'aprile del 2006, alle ultime elezioni politiche, l'attuale Partito Democratico più l'Italia dei Valori era 33,6%, mentre oggi arriva al 34-34,5%. Le forze che compongono il Popolo della Libertà e la Lega Nord avevano il 42,2%, in questo momento l'attuale aggregazione di Berlusconi si attesta al 44,5%. Però ha perso due punti rispetto a trenta giorni fa, quando Pdl+Lega erano 46,5%. Invece il Pd (più Di Pietro) è rimasto sostanzialmente invariato". LEGGI TUTTO

________________________________________________

Sicilia, è election day. Nell'isola si voterà il 13 e 14 aprile per le politiche e per le regionali. Per le amministrative la giunta ha rinviato la decisione, ma le consultazioni dovrebbero svolgersi l'8 giugno. LEGGI

Un S.O.S. dalla Svizzera...

Un mese addietro ho scritto l'email di cui sotto all'Assesoressa Cortimiglia. L'ho dovuto spedire al sindaco Iannazzo, poiché é l'unico, tuttora, ad avere un indirizzo email in TUTTA l'amministrazione del comune di Corleone. Poiché non ho avuto alcun riscontro, posso immaginare che il sindaco non abbia potuto inoltrare l'email, perché l'ass. Cortimiglia ne é sprovvista. Vi sarei grato, se qualcuno di voi la volesse pubblicare o stamparla o magari passando dal municipio ''farla recapitari' a chi di dovere.
Grazie
Leoluca Criscione,
Corleonese emigrato iscritto nelle liste A.I.R.E.

Il testo del messaggio inviato
----- Original Message -----
From: Leoluca Criscione
To: sindacocorleone@libero.it
Sent: Thursday, January 17, 2008 11:14 AM
Subject: att. Ass. Lea Cortimiglia
Gentile Assessoressa Cortimiglia, dalla pagina Internet del Comune di Corleone si evince, che Lei é la titoalre della delega per i Corleonesi nel Mondo (veda sotto). Da Corleonese nel mondo, gradirei essere messo a conoscenza di eventuali attività e iniziative relative a tale delega.
Un CORdiaLEONESE saluto dalla Svizzera,
Leoluca Criscione
P.S. per il Sindaco:
sono dolente di doverla importunare, ma il suo é l'unico indirizzo email, che sono riuscito a localizzare nel sito.

Leoluca Criscione, Dr. pharmKirchstr. 15 4313 Möhlin SwitzerlandMobile +41 (0) 76 322 77 81www.leoluca-criscione.net

Finocchiaro-Borsellino, via libera. Lombardo e Miccichè, lingue diverse

La presidente uscente dei senatori del Pd conferma: "Ci sarà un percorso unitario, io e Rita siamo in tandem". In mattinata, la senatrice aveva incontrato Rosario Crocetta. Il sindaco di Gela: "Mi metto al servizio della coalizione".
Il leader Mpa: "Probabilmente sarò l'unico candidato del centrodestra alla presidenza della Regione siciliana, per vincere è necessario che Fi e Udc siano unite". Il rivale non ci sta: "Sono uno che non si arrende mai". Casini: "Su base locale ognuno faccia quello che vuole". LEGGI TUTTO

domenica 17 febbraio 2008

CORLEONE. Eletto il coordinamento cittadino del Partito Democratico. La maggioranza alla lista dei consiglieri comunali Paternostro e Schillaci

CORLEONE – Come in tutta Italia, ieri a Corleone il Partito Democratico ha eletto i componenti del Coordinamento di Circolo ed i delegati all’assemblea provinciale. Due le aggregazioni che si sono presentate all’appuntamento elettorale: quella che fa capo ai due consiglieri comunali Dino Paternostro e Salvatore Schillaci (vicini all’on. Peppe Lumia e all’on. Sergio D’Antoni), e quella guidata dal dott. Enzo Zabbia e dal dott. Epifanio Di Natale (vicini all’on. Andrea Zangara e all’on. Antonello Cracolici). Dei 230 elettori aventi diritto al voto, ne hanno votato 153. Di questi 88 (60%) hanno votato per la lista Paternostro-Schillaci e 59 (40%) per la lista Zabbia. Dei 21 seggi da assegnare, 13 li ha ottenuti la prima lista ed 8 la seconda. Anche il delegato all’assemblea provinciale del Pd è stato attribuito alla prima lista.

«Dopo la proclamazione ufficiale degli eletti – dicono i componenti della lista vincente – procederemo rapidamente ad eleggere il segretario del circolo e la segreteria. Ringraziamo gli elettori che ci hanno dato una larga maggioranza, ma da oggi faremo di tutto per dare una direzione unitaria e condivisa al circolo del Pd di Corleone. Nelle prossime settimane dovremo affrontare le elezioni politiche e regionali e poi le elezioni provinciali. Si tratta di appuntamenti importanti, che speriamo registrino tanti successi per il nostro partito e per le forze progressiste».

NELLA FOTO: Un momento dello spoglio.

Anna Finocchiaro: "Sicilia, io ci sono"

A Roma, davanti all'Assemblea del Partito Democratico, Anna Finocchiaro ha annunciato la sua candidatura ufficiale alla Regione. Apertura verso la Borsellino per un centrosinistra unito: "A lei dobbiamo molto tutti".
ROMA - "Sono disponibile a candidarmi nell'unità del centrosinistra e se Rita Borsellino sarà con me". La formalizzazione della disponibilità a candidarsi alla presidenza della Regione Sicilia, Anna Finocchiaro l'ha annunciata all'assemblea costituente del Pd, mettendola nero su bianco in una lettera aperta. Rita Borsellino: "Anch'io voglio un progetto comune" LEGGI TUTTO

Dodici punti per voltare pagina Veltroni: "Ricchezza e felicità"

di CLAUDIA FUSANI

Il segretario spiega il programma del Partito democratico ai 2.800 delegati dell'Assemblea costituente. Un discorso di un'ora e mezza. Prodi: "Farò politica con voi". LEGGI TUTTO

CORLEONE.Timbravano in ufficio e andavano a spasso. Truffa aggravata e falso per 16 dipendenti della Condotta Agraria

PALERMO. Avrebbero dovuto trovarsi in ufficio. E invece sono stati sorpresi a fare la spesa, a spingere i carrelli del market e sistemare i sacchetti nel bagagliaio delle auto di proprietà. La procura di Termini Imerese ha notificato l’avviso di chiusura indagini a 16 dipendenti pubblici indagati per il reato di truffa aggravata ai danni di un ente pubblico e falso.
LEGGI TUTTO

Epifani a Palermo: più potere d'acquisto ai salari

IL SEGRETARIO DELLA CGIL A PALERMO PER IL TAX DAY. «Disagio soprattutto al Sud. Il tesoretto c'è. Non serve la detassazione degli straordinari»

Palermo.
Guglielmo Epifani è accolto da una pioggia fine e insistente. Il numero uno della Cgil ha trovato una Palermo inedita dove trascorrere il primo giorno del Tax day, la raccolta di firme proposta assieme a Cisl e Uil a sostegno della piattaforma unitaria con la quale si chiede di aumentare redditi da lavoro dipendente e da pensioni puntando sulla riduzione fiscale. Un'iniziativa che sfocerà nella grande manifestazioni in programma oggi a Roma ma anche un'occasione per lanciare un segnale chiaro a chiunque uscirà vincitore dalle urne, il prossimo aprile. «In questa campagna elettorale dobbiamo essere presenti con proposte sulle quali invitiamo le forze politiche a misurarsi». LEGGI TUTTO

giovedì 14 febbraio 2008

Domani Guglielmo Epifani (Cgil) a Palermo

Palermo, 13 feb- Il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, sara’ a Palermo venerdi’ 15 febbraio per partecipare a un convegno della Flai Cgil siciliana sui problemi del lavoro, dei diritti e delle tutele nel comparto agro- alimentare- ambientale. L’appuntamento e’ alle 10 al teatro Politeama. Sul tema dell’iniziativa, dal titolo “Riscattare il lavoro dipendente, manuale e intellettuale”, dopo la relazione del segretario generale della Flai Sicilia, Salvatore Lo Balbo, interverranno Franco Chiriaco, segretario generale della Flai nazionale, Italo Tripi, segretario della Cgil Sicilia, Salvatore Di Stefano, bracciante agricolo, Gina D’Iapico, delegata dei magazzini ortofrutticoli di Ragusa, Antonina Quartuccio, delegata della Coalma, Mohamed Ali’, bracciante agricolo. A Epifani saranno affidate le conclusioni.

Walter Veltroni, segretario del Partito Democratico: "Una nuova stagione è possibile..."

Walter Veltroni: "Bisogna destinare risorse sui salari"
Walter Veltroni: "Un Patto tra lavoro e impresa"
Walter Veltroni: "Sostegno alle famiglie"

mercoledì 13 febbraio 2008

Mafia, morto il boss Michele Greco. I Corleonesi lo fecero "Papa"

di ENRICO BELLAVIA
Aveva 84 anni, era detenuto a Rebibbia, il decesso in una clinica romana
. I vincitori lo misero alla testa della "Commissione" per prendere il potere
ROMA - Michele Greco - detto "il papa", storico boss della mafia siciliana - è morto oggi all'ospedale Pertini di Roma, dove era ricoverato da alcune settimane. L'uomo, che aveva 84 anni, era detenuto a Rebibbia, dove stava scontando diversi ergastoli definitivi. Nella sua carriera di capomafia di Ciaculli, e ai vertici di Cosa Nostra, è stato tra i mandanti di alcuni degli omicidi eccellenti che hanno insanguinato la Sicilia
LEGGI TUTTO

SICILIA. Leanza: "Votiamo il 13 aprile"

Il vice presidente Leanza propone per le elezioni regionali in Sicilia la stessa data delle politiche: "C'è ancora qualche resistenza, ma non torno indietro"

PALERMO - Il 13 aprile: è la data proposta per le elezioni siciliane dal vice presidente della Regione, Lino Leanza. "C'è ancora qualche resistenza, ma io non torno indietro", ha detto Leanza durante la pausa della riunione della Giunta regionale, convocata proprio per stabilire la data delle elezioni.Leanza ha aggiunto: "Qualcuno ha la necessità di sentire Roma, per cui abbiamo deciso di sospendere la Giunta, ma io la mia decisione l'ho già presa". La data del 13, giorno in cui si svolgeranno anche le politiche, rappresenterebbe una mediazione tra le posizioni di di Fi, che spinge per il 20 aprile, e Mpa e Udc che avevano indicato la data del 6 aprile. La giunta riprenderà il lavori alle 12.
13/02/2008

L'ANALISI. La crudeltà dell'ideologia

di FRANCESCO MERLO
Cosa avrebbero fatto i sette agenti di polizia se in quell'ospedale di Napoli fossero arrivati durante l'operazione e non subito dopo? Avrebbero rimesso il feto dentro la donna? "Fermi tutti, in nome della legge: controabortisca o sparo!". Davvero la polizia che a Napoli irrompe in sala operatoria e sequestra un feto malformato è roba da teatro del grottesco e della crudeltà, da dramma di Artaud. Sembra un episodio inventato per dimostrare la stupidità dei fanatici della vita ad oltranza, per far vedere a quale ferocia si può arrivare in nome di un principio nobile e astratto ridotto ad ossessione e sventolato come un'ideologia, persino elettorale. LEGGI TUTTO

Telejato, un tg speciale con i vertici della categoria dopo l'aggressione al direttore Giuseppe Maniaci

E' stato un tg particolare quello cui hanno assistito l'11 febbraio i circa 150 mila telespettatori di Telejato, l'emittente del comprensorio di comuni attorno a Partinico (Palermo), il cui direttore Giuseppe Maniaci era stato picchiato dal figlio di un boss mafioso il 29 gennaio scorso.
LEGGI TUTTO

LA LETTERA. Auspico una campagna elettorale vivace, ma educata...

Auspico una campagna elettorale vivace, ma educata, intelligente, rispettosa, e che sia centrata sui problemi dei cittadini più deboli, e più bisognosi. Una campagna elettorale che discuta pure dei grandi temi da risolvere in Italia, nuova legge elettorale, conflitto d’interessi, difesa della nostra meravigliosa costituzione, del raggruppamento dei partiti, alla troppa burocrazia, alla mafia, della malavita organizzata, dell’evasione fiscale, della sicurezza, rilancio dell’economia, sul rispetto dell’ambiente, sui diritti civili, e di tanti altri grandi temi. (Francesco Lena - Cenate Sopra Bergamo)
LEGGI TUTTO

martedì 12 febbraio 2008

Agguato a Partinico: uccisi due imprenditori

Vittime dell'omicidio di chiaro stampo mafioso i figli di Salvatore Riina, omonimo del boss, assassinato nel '98 a poca distanza dal bar davanti al quale sono stati "freddati" Giuseppe e Giancarlo. Almeno due i sicari, inutile il tentativo di fuga. I fratelli gestivano una piccola azienda edile, ferito un loro dipendente
PARTINICO (PALERMO) - E' un agguato di stampo mafioso quello in cui sono state uccise due persone e una terza è rimasta ferita a Partinico, un paese a 30 chilometri da Palermo. Le vittime sono Giuseppe e Giancarlo Riina, rispettivamente di 37 e 31 anni, figli di Salvatore Riina, omonimo del boss di Cosa nostra, un imprenditore ucciso nel '98 e accusato di avere coperto la latitanza di alcuni mafiosi; poco prima della sua morte era entrato in contrasto con i capi mafia della zona, i Vitale, per ragioni di controllo delle attività illecite del territorio. LEGGI TUTTO

Scoperto il covo dei Lo Piccolo

PALERMO - Cadono poco a poco abbattuti dalle rivelazioni di ben quattro nuovi pentiti i segreti del clan vincente di Cosa nostra palermitana e oggi è stato reso noto che i poliziotti della squadra mobile hanno localizzato la residenza dove Salvatore Lo Piccolo e il figlio Sandro, arrestati il 5 novembre scorso in una villa di Giardinello (Pa), avrebbero trascorso gli ultimi anni di latitanza.Il rifugio, individuato proprio con le indicazioni del collaboratore Gaspare Pulizzi, è a Terrasini, comune balneare a 30 km da Palermo e a poca distanza da Giardinello. Si tratta di una grande villa a due piani, che si trova nei pressi della strada statale, a poche decine di metri da un supermercato della catena Sisa. LEGGI TUTTO

A Gela la mafia contro il vescovo

PIAZZA ARMERINA (ENNA) - Degli "angeli custodi" con la divisa sorveglieranno le sedi religiose dell'arcivescovado di Piazza Armerina per tutelare l'incolumità del vescovo, monsignor Michele Pennisi, preso di mira in un volantino ingiurioso in cui viene criticato per non avere disposto la celebrazione in chiesa dei funerali del boss gelese Daniele Emmanuello, ucciso mentre tentava di fuggire alla cattura della polizia lo scorso 3 dicembre. LEGGI TUTTO

Marco Venturi (Sicindustria): "Priorità la legalità e la lotta al lavoro nero"

Palermo, 11 febbraio 2008 – Legalità e lotta al lavoro nero sono in cima alle priorità della Piccola industria di Confindustria Sicilia presieduta da Marco Venturi che, al termine dell’incontro con il presidente nazionale Giuseppe Morandini e dell’elezione dei vicepresidenti Giuseppe Seminara, Alessandro Spadaro, Luigi Costanza e Davide Guastella, ha tracciato le linee programmatiche del prossimo biennio per le piccole imprese che in Sicilia rappresentano il 95% del tessuto produttivo.
“Confindustria Sicilia – ha dichiarato oggi Marco Venturi in conferenza stampa - sostiene in generale che legalità e sviluppo è un binomio imprescindibile per la crescita della nostra società. Pertanto, per affermare la legalità occorre anche contrastare il lavoro nero, sommerso e irregolare a tutti i livelli. E’ una piaga regionale che va combattuta tanto quanto racket, usura e malaffare”. LEGGI TUTTO

domenica 10 febbraio 2008

Ecco come hanno visto Corleone gli studenti della Syracuse University di Firenze:

Gli studenti della Syracuse University Corleone l’hanno scoperta nell’aprile scorso, con i campi di lavoro sui terreni confiscati alla mafia, ai quali hanno partecipato insieme ai giovani volontari toscani. L’hanno scoperta lavorando su quelle terre, dove, fino a pochi anni prima, scorazzavano indisturbati i feroci boss di Cosa Nostra. L’hanno scoperta sudando e sporcandosi le mani accanto ai soci della coop sociale “Lavoro e non solo”, che aderiscono a “Libera Terra”. E, l’estate scorsa, per condividere con loro questa esperienza di antimafia sociale, sono arrivati a Corleone anche la direttrice della Syracuse University, Barbara Deimling, e il console americano di Firenze Nora Dempsey.
LEGGI TUTTO

Da Spello Veltroni lancia la sfida: "Cambiamo l'Italia, non il governo"

Nel primo comizio della campagna elettorale, il segretario rivendica le scelte del Pd: "Possiamo guardare gli italiani negli occhi perché abbiamo deciso di correre liberi. Ora possiamo ridurre le tasse, pagare meno, pagare tutti"

SPELLO (PERUGIA) - Ha scelto lo sfondo delle dolci colline umbre Walter Veltroni per iniziare la sua campagna elettorale e lanciare la rincorsa solitaria del Partito democratico al centrodestra, al momento in forte vantaggio secondo tutti i sondaggi. "Cominciare da qui, da questa piazza, da questo borgo, è un modo per dire a cosa pensiamo: non al destino di questo o quel leader, non a questo o quel partito, ma al destino dell'Italia, al nostro paese, alle gravi difficoltà del suo presente e alle straordinarie potenzialità del suo futuro", ha esordito il sindaco di Roma. LEGGI TUTTOLEGGI IL DISCORSO INTEGRALE DI WALTER VELTRONI

E la "Cosa Rossa" prova ad organizzarsi

Il video del discorso di Veltroni a Spello


sabato 9 febbraio 2008

XIII Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie


Il termine ultimo per l'adesione è prorogato al 25 febbraio.

La XIII Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie promossa da Libera in collaborazione con Avviso Pubblico si svolgerà il 15 marzo 2008 a Bari (data anticipata di una settimana rispetto al tradizionale e ufficiale 21 marzo, coincidente con il prossimo venerdì santo). La giornata con il patrocinio della Regione Puglia, della Provincia e della Città di Bari ricorda tutte le vittime innocenti delle mafie – su quelle pugliesi, circa quaranta, è calato il silenzio - e rinnova in nome di quelle vittime l’impegno di contrasto alla criminalità organizzata. La Giornata della Memoria e dell’Impegno è dedicata a tutte le vittime, proprio tutte. LEGGI TUTTO

Regione Sicilia, Lombardo c'è


Il leader del Mpa ha ufficializzato la sua candidatura alla presidenza ed entro mercoledì si dimetterà dalla carica di presidente della Provincia di Catania: "Raccoglieremo adesioni e convergenze". L'europarlamentare sarà anche capolista del suo partito alla Camera e al Senato

CATANIA
- Il leader del Movimento per l'Autonomia, Raffaele Lombardo, conferma la sua intenzione di correre alla presidenza dalla Regione siciliana. "Per il momento - dice l'europarlamentare - ho il sostegno del Mpa e mi basta, certo non mi avanza e per questo sicuramente faremo due liste". LEGGI TUTTO

Bertinotti: il Pd? Decisione legittima


PERUGIA - «Penso sia una decisione discutibile ma del tutto legittima e penso che sia anche un obiettivo di incoraggiamento alla sinistra a fare la sua parte, costruendo un soggetto unitario e plurale ed approfittando anche della scadenza elettorale per avviare questo processo, perchè l’Italia ha bisogno di una sinistra».

Lo ha detto l’ex Presidente della Camera, Fausto Bertinotti, a Perugia dove sta presenziando all’inaugurazione del 700esimo anno accademico dell’Università degli Studi, rispondendo ai giornalisti che lo invitavano a commentare la decisione del Pd di correre da solo.

Nel ribadire che ha considerato tale decisione discutibile, Bertinotti ha aggiunto «avete visto però che non ho mai fatto polemica». Alla domanda su un possibile Governo di unità nazionale considerato da molti come uno sbocco naturale, l’ex Presidente della Camera ha detto «non mi pare che ce ne siano le condizioni, perchè sarebbe un grave errore».

A proposito della scelta di Walter Veltroni che domani mattina da un convento di Spello, sempre in Umbria, darà il via alla sua corsa per il premierato, Fausto Bertinotti ha commentato «non una location, ma questa per esempio è bella» riferendosi all’aula magna nella quale si sta svolgendo la cerimonia di inaugurazione.

D'Alema: "Possiamo vincere. Riduciamo subito le tasse!"

di Alessia Grossi

«L'azzardo e l'innovazione sono la chiave per vincere una sfida che non si vince sommando i vecchi frammenti che peraltro non corrispondono più all'orientamento reale dell'opinione pubblica». Così il Ministro degli Esteri Massimo D'Alema definisce la scelta del Partito Democratico di «correre da solo» al direttore Antonio Padellaro durante la videochat di sabato all'Unità online . E quanto ad un suo disaccordo con Walter Veltroni su questa scelta, D'Alema smentisce: «Sono d'accordo con la soluzione di Veltroni, dietro queste voci c'è solo un ipotesi di complotto o un modo, forse per indebolire il Partito Democratico. D'altra parte che il Pd abbia fatto la scelta giusta lo conferma il fatto, ha detto D'Alema che «Berlusconi insegue il Partito democratico., cosa che non succedeva da anni». E «Berlusconi ha molti difetti» ma certamente non gli si può attribuire il fatto di non avere «il fiuto» di capire l'opinione pubblica. per questo motivo «insegue il partito democratico». Il Paese «vive la crisi del bipolarismo», c'è «un enorme stanchezza», c'è un elettorato in movimento che cerca qualcosa di nuovo, con una guida forte e una speranza di futuro». per questo, se il Pd intercetta «come sta intercettando queste domande può cambiare il panorama elettorale e politico». LEGGI TUTTO

giovedì 7 febbraio 2008

Novanta arresti tra Palermo e New York. Presi i boss del nuovo patto Italia-Usa

di ATTILIO BOLZONI
Operazione "Old bridge": blitz congiunto polizia-Fbi dall'una e dall'altra parte dell'Oceano. Due anni d'indagini: nel mirino le famiglie Inzerillo, Gambino, Di Maggio. E' la vecchia mafia sconfitta dai corleonesi che cercava di rialzare la testa. Affari enormi e nuovi per riconquistare i territori e il potere perduti.
di SALVO PALAZZOLO

Regione Sicilia, nel Partito Democratico prende quota la candidatura di Anna Finocchiaro per la presidenza

Prende quota la candidatura della capogruppo del Pd al Senato: "Ci sto pensando molto seriamente. Il modo in cui si è conclusa questa legislatura è uno stimolo potente"

ROMA - "Ci sto pensando seriamente. Molto seriamente". Così la capogruppo del Pd al Senato Anna Finocchiaro, a Radio 24, risponde a una domanda sulla sua possibile candidatura alla Regione Sicilia."La ragione principale che mi spinge a pensarci è che il modo in cui si è conclusa questa legislatura del presidente Cuffaro è uno stimolo di riflessione potente e poderoso".Dall'entourage della senatrice aggiungono che "Anna Finocchiaro sta riflettendo sull'ipotesi della candidatura dopo avere ricevuto pressioni in tal senso e da più parti". Anche Walter Veltroni, sottolineano sempre dall'entourage, "sta facendo pressing". (7/2/2008)


07/02/2008

lunedì 4 febbraio 2008

Il Carnevale a Corleone!

Il carro con il sindaco Iannazzo (in alto) e l'ex sindaco Nicolosi (in basso). Iannazzo fa "tre" con le dita della mano (sono i tre voti di scarto con cui ha vinto il ballottaggio).
Martedì la sfilata finale...

Veltroni a Palermo: "Adesso in Sicilia bisogna voltare pagina!"

Palermo. Anche se ancora il candidato alla presidenza della Regione non è stato designato, il Partito democratico ha dato il via ieri, da Palermo, alla campagna elettorale siciliana. E, probabilmente, pure a quella nazionale. Anche se il leader del Pd, Walter Veltroni, spera ancora che il presidente incaricato, Franco Marini, riesca a formare un nuovo governo con almeno l'obiettivo minimo di modificare la legge elettorale. LEGGI TUTTO

Lo Bello dice "no" alla proposta di candidatura

Bisogna sempre mantenere viva la memoria del passato...

di Francesco LENA
L'apertura dei cancelli di Auschwitz rivelò definitivamente al mondo l'orrore di un progetto folle, premeditato e pianificato che non deve essere dimenticato perché sia a tutti di monito. Questo il senso più profondo della Giornata della Memoria, importante per ricordare sia l'olocausto di milionidi ebrei, sia l'eliminazione di tutto ciò che veniva considerato "diverso", omosessuali, Testimoni di Geova, portatori di handicap, discriminazioni alle quali purtroppo ancor oggi capita di assistere. LEGGI TUTTO


PER UNA STORIA DELL’ANTISEMITISMO

PRIZZI - Il Professore Fabio Oliveri, in occasione della giornata della memoria, promossa dall’Assessorato P.I del Comune di Prizzi, in ricordo dello sterminio del popolo ebraico, ha svolto presso l’I.T.C.G.I sede di Prizzi, alla presenza dei Dirigenti Scolastici dei due ordini di Scuola, dei docenti e del Comandante della Stazione dei Carabinieri di Prizzi, una erudita e magistrale relazione dal tema molto impegnativo: “Per una storia dell’antisemitismo”. L’insigne studioso, esperto di studi ebraici ( insegna a Potsdam in Germania questa materia), è riuscito a calamitare l’attenzione anche dei ragazzi più demotivati, grazie anche alle sue abilità comunicative. LEGGI TUTTO