martedì 27 novembre 2007

I ragazzi di Corleone contro la mafia

CORLEONE (PALERMO) - "Riina o Schirò?" ha chiesto, da una panchina trasformata in un improvvisato palco, il sindaco di Corleone, Antonino Iannazzo. E le centinaia di studenti, scesi in strada questa mattina per dire che "i corleonesi non sono tutti uguali", non hanno avuto dubbi. In coro, più volte, hanno risposto: "Schirò", dimostrando che, tra la prepotenza e la violenza del capomafia, e il coraggio e l'onestà del poliziotto Biagio Schirò, personaggio positivo della fiction di Mediaset su Riina, 'Il capo dei capi', loro scelgono il bene. "Questa è la risposta che Corleone dà a chi dice che i giovani qui si riconoscono in Riina", commenta Iannazzo, che non nega, però, che la presenza di tanti adolescenti, nella piazza intitolata ai giudici Falcone e Borsellino, sia dovuta anche alla presenza di Daniele Liotti, l'attore che nella fiction interpreta appunto Schirò, unico personaggio inventato del telefilm. "Ciò non toglie nulla al successo della nostra manifestazione - spiega - I ragazzi hanno accolto Liotti con entusiasmo, dimostrando di avere ben chiara la positività del ruolo che interpreta. Se, anche in futuro, uniremo la forza della tv e il sentire comune dei corleonesi, davvero, arriveremo a grandi risultati". LEGGI TUTTO

4 commenti:

Anonimo ha detto...

E MEDIASET... RINGRAZIA!

Signor Sindaco,
La stessa manifestazione, fatta ’DUE giorni DOPO l’ultima puntata’, sarebbe stata molto più credibile!
Lei punta tanto sulla ‘’forza della TV’’, ma la TV non risolverà i problemi di Corleone e dei Corleonesi!
É ormai da tanto, troppo tempo, che Corleone e i Corleonesi sono ‘forzati’ dalle TV e dai mass-media nazionali e internazionali.

I ‘grandi risultati’ da Lei auspicati, non si possono ottenere con la ‘forza della TV’!.
A Corleone serve soltanto lavoro, lavoro, lavoro, lavoro …pulito e duraturo per i giovani e i meno giovani. E l’unico settore atto a poter centrare quest’obiettivo, in tempi relativamente brevi, è quello agro-alimentare, modernizzato!.

A proposito, Le sarei grato, se Lei volesse prendere pubblicamente posizione sulla proposta, che Le avevo fatto pervenire qualche mese addietro per E-mail (e la cui copia è stata pubblicata dal sito DIALOGOS, a titolo: I Ccorleoensi nel mondo.
Onde evitare qualsiasi forma di equivoco, Le confermo, pubblicamente, che non sono interessato ad alcuna ‘poltrona’ di ‘Assessore’, in alcuna Giunta!

E penso che Lei condivida l’opinione, che, in un paese come Corleone (e non solo), il Sindaco non può essere il quasi unico ‘’datore di lavoro’ (posto). Anche la Sua Amministrazione si è impegnata a contribuire a far crescere Corleone nella libertà e nella legalità.
Senza un avvenire economico relativamente sicuro e senza proposte concrete e fattibili, libertà e legalità resteranno nei programmi delle tante associazioni (spesso con chiara matrice partitica), che dalle nostre parti nascono troppo facilmente.

Apparentemente, siamo in tanti a essere mossi da quell’amor patrio (mi creda, più straziante in terra d’emigrazione), che ‘affligge’ anche Lei!, ma in realtà riusciamo a concludere ben poco.
E i giovani ritornano ad emigrare, come ai miei tempi. Allora con la seconda elementare, oggigiorno con la laurea o il diploma.

Un CORdiaLEONESE saluto dalla Svizzera,
Leoluca Criscione, emigrato

Anonimo ha detto...

Che noia ......

Anonimo ha detto...

Gentile ANONIMO ANNOIATO,
La ricetta per non annoiarsi é piu' semplce di quanto lei pensi: non legga i miei commenti e continui a divertersi o a non annoiarsi facendo qualcosa di piu' intelligente. Altrimenti, lasci Lei qualche consiglio ''meno annoiante''.
Un saluto dalla Svizzera,
Leoluca Criscione

Anonimo ha detto...

sempre patetico..
sa.fo.